Skip to main content

Urine: i componenti patologici

 |  Redazione Sconfini

L’esame delle urine permette di valutare molti parametri che possono essere indicativi di anomalie e patologie in corso. Il campo d’indagine è vasto e complesso e molte delle analisi eseguite danno indicazioni non solo sulle disfunzioni renali, ma anche su altre quali il diabete, alcune patologie del fegato, infezioni o infiammazioni. Teniamo però presente che attualmente questo esame è secondario e che tranne per alcune voci la sua importanza diagnostica è soltanto orientativa e ha più valore come un rapido e generico screening.


Nell’esame macroscopico o chimico-fisico dell’urina viene compresa anche la ricerca di componenti patologici ovvero dei valori di sostanze che in condizioni normali dovrebbero essere assenti nell’urina o presenti in quantità minime; invece, la loro presenza o un valore superiore al limite ammesso permette di sospettare o diagnosticare uno stato patologico. Questi componenti sono le proteine (proteinuria), i chetoni (chetonuria), la bilirubina, i pigmenti biliari (urobilinogeno e urobilina), i nitriti.


> Proteine

I reni non dovrebbero lasciare passare le proteine nell’urina (vengono bloccate prima) in quanto sono sostanze molto importanti per l’organismo. A volte sono presenti in quantità minime e non patologiche e comunque in quantità inferiore a 150 mg nelle urine delle 24 ore.


> Chetoni

Sono dei composti chimici formati dalla degradazione di altre sostanze (acidi grassi) e ciò succede quando l’organismo è carente di zuccheri e utilizza gli acidi grassi come fonte di energia. Normalmente i chetoni non devono essere presenti nell’urina.


> Bilirubina

È una sostanza di colore giallo-rosso che viene prodotta dalla scissione dell’emoglobina, pigmento rosso presente nei globuli rossi del sangue. Conferisce il normale colore scuro alle feci: è il principale pigmento presente nella bile. In presenza di quantità patologiche di bilirubina le urine assumono color marsala. Normalmente non deve essere presente nell’urina.


> Pigmenti biliari

L’urobilina e l’urobilinogeno sono prodotti di trasformazione, per mezzo dei batteri intestinali, della bilirubina (pigmento contenuto nella bile dell’uomo). Normalmente queste due sostanze sono presenti nelle urine in piccolissima quantità (0,5-2,5 mg nelle urine raccolte nell’arco delle 24 ore) conferendole il caratteristico color oro più o meno intenso. Un’assenza totale di pigmenti biliari si osserva negli itteri ostruttivi completi.


> Nitriti

La presenza di nitriti nelle urine è indice di infezioni delle vie urinarie. Il test si basa sulla capacità di alcuni batteri di ridurre i nitrati a nitriti. La positività è indice di batteriuria (Escherichia coli, Proteus, Klebsiella, Pseudomonas, Stafilococco, Enterococco). La negatività non esclude un’infezione (potrebbe essere possibile un’infezione da germi che non riducono i nitrati a nitriti).

I.Z.

  alt

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  
In collaborazione con Help!

 


Altri contenuti in Medicina

Computer e difetti di vista

Venticinque milioni di italiani, quasi uno su due (46%), hanno problemi di vista. Un numero destinato a crescere, se si pensa che è candidato a sviluppare un disturbo l’88% di chi usa regolarmente ...

Varicella, un prurito davvero fastidioso

Tra le malattie infettive esantematiche una delle più comuni e delle più contagiose è senz’altro la varicella. Tale patologia colpisce in modo prevalente i bambini nei primi anni di vita ed è provo...

Prevenzione primaria e preprimaria della cardiopatia coronarica

La prevenzione primaria della cardiopatia coronarica (CC) ha la finalità di evitare la comparsa della sintomatologia (angina pectoris, infarto del miocardio ecc.). Recentemente due grandi associazi...

Le disfunzioni delle articolazioni temporo-mandibolari

La gnatologia (dal greco gnatus, mascella, e logos, parola) è una disciplina della moderna odontoiatria che si occupa dell’anatomia occlusiva dei denti e dei corretti contatti dentali che una bocca...

Malattie reumatiche: i trattamenti antinfiammatori

Il dolore acuto può essere ragionevolmente considerato un sintomo di malattia o di lesione, il dolore cronico e ricorrente è un problema sanitario specifico, una malattia in sé e per sé. Studi di c...