Skip to main content

La parola al cardiologo: il farmaco generico

 |  Redazione Sconfini

Da molto tempo sono costretto a prendere medicinali per curarmi da vari acciacchi più o meno importanti che mi assillano e per tenere a bada il mio cuore che ogni tanto dà segni di insofferenza. Poiché sento sempre più spesso parlare di farmaci con o senza brevetto, approfitto della sua disponibilità per chiederle: c’è da fidarsi dei cosiddetti farmaci generici?  (Lettera firmata)

 

Un qualsiasi farmaco dopo alcuni anni perde il brevetto, perciò chiunque, conoscendo la formula, è in grado di riprodurlo con le stesse caratteristiche del farmaco originale, e queste industrie, poiché non hanno fatto ricerca per ottenere il brevetto, sono in grado di dispensarlo ad un prezzo nettamente ridotto, anche di oltre il 50%.


Tuttavia molti medici e moltissimi pazienti spesso sono restii ad acquistare il farmaco generico perché lo considerano “meno sicuro”. Questo è un errore perché l’Agenzia del farmaco del Ministero della salute non può permettere che sia messo in commercio un farmaco “nonalt sicuro”. Di conseguenza anche i farmaci generici, che è meglio definire “equivalenti”, sono sottoposti agli stessi controlli dei farmaci “originali” ma con brevetto scaduto. Del resto questi preparati generici sono in vendita negli Stati Uniti e in tutti i Paesi dell’Unione Europea. L’unico controllo che devono fare il medico prescrittore e il farmacista dispensatore è quello di verificare se il preparato generico ha lo stesso dosaggio di quello originale prescritto in precedenza. Pertanto nessuna paura e nessuna ritrosia per il “generico”.


È importante invece che il paziente assuma regolarmente il farmaco prescritto dal proprio medico o da quello ospedaliero, nelle dosi consigliate e per il tempo di prescrizione. Ad esempio, alcuni farmaci per la prevenzione delle cardiopatie devono essere assunti per tutta la vita. Inoltre, è un grave errore sospendere o ridurre la dose di un preparato solo perché ha provocato un leggero mal di testa o un po’ di mal di stomaco. È più razionale recarsi dal proprio medico curante e riferire l’inconveniente verificando insieme se questo effetto indesiderato è veramente da ascrivere al preparato che si sta assumendo. Sarà lui poi a decidere, d’accordo con il paziente, se sostituirlo o meno. Compito del paziente invece – lo ribadisco – è quello di collaborare alla cura assumendo regolarmente il farmaco alle dosi e alle ore prescritte. Solo in questo modo si può assicurare un trattamento curativo efficace.


Non tutti conoscono il costo della spesa farmaceutica che lo Stato deve sopportare per dispensare e assecondare la richiesta di farmaci di fascia A, in altre parole per quelli offerti gratuitamente a tutti. Nei primi 9 mesi del 2007 la spesa lorda per i farmaci di classe A è globalmente diminuita in confronto allo stesso periodo del 2006 (-3,0%) e ciò grazie alla distribuzione diretta da parte degli Ospedali e dei Servizi sanitari territoriali, e anche per l’introduzione di alcuni preparati “generici” molto diffusi quali alcune statine per abbassare il colesterolo cattivo, un preparato utilizzato per la cura dell’ipertensione arteriosa e un altro per proteggere lo stomaco. In generale le dosi prescritte sono state circa 880 per ogni 1.000 abitanti con un aumento del 2,6%; nello stesso tempo l’uso di farmaci generici è incrementato del 24,1% e ciò ha reso possibile un grosso risparmio. In questo “consumo” farmacologico i preparati utilizzati per la cura delle malattie del sistema cardiocircolatorio occupano il primo posto rappresentando il 49% dei farmaci prescritti e il 37% della spesa farmaceutica: in particolare, occupa il primo posto assoluto per prescrizioni e per spesa un farmaco che cura sia la pressione arteriosa sia lo scompenso cardiaco (ramipril), seguito da tutti i preparati a base di aspirina.


Alla spesa per i farmaci di fascia A (a totale carico dello Stato) dobbiamo aggiungere quella dei cittadini per i farmaci di classe C prescritti dai medici curanti ma a pagamento (+ 0,1% rispetto al 2006) ed infine il consumo dei farmaci autoprescritti dagli stessi malati (+2,1% rispetto al 2006).

dott. Sabino Scardi, professore di Cardiologia Università di Trieste

 


In collaborazione con Help!

 


Altri contenuti in Medicina

Siamo soddisfatti di noi stessi?

Nella nostra vita succede che si verifichino episodi che ci mettono in difficoltà e che spesso ci portano a riconsiderare in termini assolutamente negativi il nostro modo di essere e/o quello delle...

La rieducazione funzionale secondo i concetti RAM-DBC

Negli anni ‘90 in Finlandia, grazie alla collaborazione di diverse Università, è stata codificata la metodica “Documentation Based Care” (DBC), dall’efficacia ormai ampiamente documentata. Ad oggi ...

Artrosi all’anca: tipica dell’età avanzata, talvolta compare anche nell’individuo adulto

  E' una patologia articolare degenerativa, che colpisce l’articolazione coxofemorale, causata da un eccesso di compressione a carico dell’articolazione stessa. La cartilagine che riveste i capi a...

Non solo zanzare: altre punture da evitare

  Zecche, ragni, api, vespe, calabroni e tafani. Assieme alle zanzare sono gli animaletti meno graditi dagli esseri umani, un po’ per il loro aspetto, un po’ per i loro morsi e le loro punture. Vic...

Chirurgia estetica: la fretta non migliora il proprio benessere

Questo è il dialogo che si è svolto un anno fa tra un’aspirante paziente e il medico chirurgo titolare di una clinica estetica in Slovenia: “Voglio fare la liposuzione”, “No. Prima segua una dieta ...