Skip to main content

Trieste, professore prende a pugni la preside. L'aggressore è un "potenziatore" della Buona Scuola

 |  Redazione Sconfini

Un diverbio tra un insegnante e la preside del liceo classico Dante Alighieri di Trieste è degenerato in una vera e propria aggressione. E' stato il docente a colpire con un pugno sul volto la dirigente scolastica dopo essere stato rimproverato, stando alle prime ricostruzioni, per non aver svolto con attenzione il compito di sorveglianza che gli era stato affidato.

 

Dopo l'arrivo delle forze dell'ordine la preside, Oliva Quasimodo, è stata portata in Ospedale per accertamenti. La prognosi è di 15 giorni.

Focalizziamo però l'episodio sul ruolo dell'insegnante, responsabile di questo inqualificabile gesto. Non si tratta di un docente della scuola, bensì di un cosiddetto "docente potenziatore" una figura discutibile fin dal nome introdotta dalla legge governativa cosiddetta "La Buona Scuola". La riforma prevede che in ogni istituzione scolastica siano presenti in media 6/7 potenziatori (sono poco meno di 50.000 in tutta Italia) assunti ad anno scolastico già iniziato e con contratto a tempo indeterminato.

In attesa di avere mansioni precise (il prossimo anno?) ai "potenziatori" spetta il poco confortante ruolo di tappabuchi: supplenze dove serve con durata inferiore ai 10 giorni anche in altre scuole di diverso ordine dello stesso istituto, sorveglianze, attività di recupero, laboratorio ecc.

Ovviamente i "potenziatori" non hanno le qualifiche per insegnare tutte le materie che, specie al liceo, vengono richieste ed è pertanto possibile prevedere che qualche altro docente costretto al lunedì a fare sorveglianza al liceo, il martedì fare due ore di italiano alle vicine scuole medie per poi spostarsi di nuovo al liceo per fare laboratorio di informatica, il mercoledì dopo due ore di buco entrare in una classe che avrebbe dovuto fare educazione fisica ma che si trova senza l'insegnante malato, il giovedì insegnare matematica alle elementari del plesso distante due fermate di autobus dalla scuola media in cui deve correre subito dopo per fare sorveglianza, il venerdì spiegare il cubismo in quinta liceo dopo aver fatto le tabelline a bambini di seconda elementare possa sbroccare.

La colpa certo è sua, che non è in grado di gestire la nuova situazione lavorativa (comunque privilegiata). Tuttavia anche chi ha pensato a questa figura dovrebbe fare una riflessione.


Altri contenuti in Friuli Venezia Giulia

Viale in Fiore a Trieste. Arriva la primavera e profuma di fiori e cioccolato

Trieste. Sempre più grande, sempre più specializzata nel settore dei fiori, dei giardini e delle piante, sempre più attesa dagli esperti del settore e dai cittadini triestini e con una sorpresa in ...

Trieste e la raccolta differenziata obbligatoria dei rifiuti

Una questione che sta prendendo sempre più le sembianze di un rebus che, al momento, sembra non aver trovato ancora una soluzione definitiva. Ma facciamo un passo indietro per capire come la faccen...

Trieste. Torna a piede libero la Banda delle ville per un errore della Procura

Con il loro arresto, i residenti nelle case e ville che punteggiano il Carso triestino avevano tirato un bel sospiro di sollievo. Ora si ritorna nella paura, a distanza di soli 6 mesi: tre albanesi...

Cittadini ed enti pubblici: un rapporto spesso conflittuale, non facile

Senza generalizzare, per carità, ma a Trieste sembra prevalere la constatazione che, vuoi l’utenza prevalentemente anziana, vuoi linguaggi amministrativi spesso poco comprensibili, chi esce da un u...

Amianto: il nemico invisibile

Negli ultimi tempi i pericoli legati al cosiddetto “rischio amianto” sono balzati prepotentemente alla ribalta della cronaca nazionale e locale. Risultano, infatti, ancora numerosi gli oggetti, le ...