Skip to main content

Processo Dell'Utri: Mangano a casa di Berlusconi non per fare lo stalliere

 |  Redazione Sconfini

dellutri"Vittorio Mangano fu assunto nella tenuta di Arcore di Silvio Berlusconi per coltivare interessi diversi da quelli per i quali fu ufficialmente chiamato da Palermo fino in Brianza". Inizia sibillino ma poi scende nel vivo del "problema" il Procuratore generale Antonino Gatto nella requisitoria del processo di secondo grado a Marcello Dell'Utri imputato di associazione mafiosa (e già condannato in primo grado a 9 anni di carcere).

"L'eroe" Mangano, così come è stato definito da Berlusconi, per alcuni anni aveva svolto (ufficialmente) il ruolo di stalliere ad Arcore, la tenuta del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Era stato lo stesso Dell'Utri a farlo assumere. Una scelta, secondo il magistrato, non legata a interessi agricoli, ma alla necessità, che all'epoca avevano tanti imprenditori, tra i quali lo stesso Berlusconi, di "proteggersi" dal pericolo di sequestri.

"Davvero - si chiede Gatto - non fu possibile trovare in Brianza persone capaci di sovrintendere alla tenuta di Arcore? Davvero dall'estremo nord ci si dovette spostare a Palermo per trovare una persona che non conosceva la zona e le coltivazioni brianzole?". "In realtà - ha aggiunto Gatto - non solo Mangano di cavalli e di coltivazioni non sapeva nulla: ma se guardiamo i suoi numerosissimi precedenti penali, gli interessi che coltivava erano di tutt'altra natura rispetto a quelli agricoli".

"Nelle dichiarazioni spontanee rese il 29 novembre del 2004 - dice il Pg - fu Dell'Utri a dire che in realtà Mangano si interessava di cani e non di cavalli. Non si vede quale sarebbe stato dunque il suo contributo alla cura di animali che Berlusconi voleva allevare nella tenuta appena acquistata".

--

Nella foto (tratta da wikimedia) Marcello Dell'Utri


Altri contenuti in Cronaca

Appaltopoli in Campania. Divieto di dimora per la moglie di Mastella

L'Arpac (Agenzia Regionale per l'Ambiente Campano) è sotto assedio. La Guardia di Finanza e i Carabinieri di Caserta hanno indagato ben 63 persone, hanno fatto scattare 25 ordinanze di custodia cau...

L.R. 19/2009 (I PARTE): IL CODICE REGIONALE DELL’EDILIZIA

Il 2010 ha portato con sé una grande ventata di novità in materia di edilizia per il Friuli Venezia Giulia, in particolare per quanto concerne ampliamenti e ristrutturazioni di fabbricati ed edific...

Nuova retata tra le ladre intese: Pd verso il 50%

La maxi retata di politici e amici di politici che ha mandato dietro le sbarre 35 persone in seno all'inchiesta Mose, rilancia alla grande la figura di Matteo Renzi quale leader del partito più pul...

Vitalizi ai ladroni. Manganello per i cittadini

La misura è colma. Anche l'italiano più scansafatiche, ignorante e irresponsabile potrebbe svegliarsi dal torpore in cui giace la sua mente da oltre 20 anni. E allora le cose potrebbero precipitare...

Berlusconi non vuole che le Procure indaghino sulle stragi del '92

Nell'autunno caldo che attende l'Italia del crepuscolo berlusconiano affiorano nuovamente le taglienti schegge di Paolo Borsellino e di Giovanni Falcone. I due magistrati ed eroi della lotta alla m...