Skip to main content

Benny "Gheddafi" Hill show

 |  Redazione Sconfini

gheddafiMentre l'attenzione mediatica nazionale è rivolta ad osannare le capacità diplomatiche di Berlusconi (leggi fare affari per se stesso con i soldi dei contribuenti) con il dittatore libico Gheddafi, la partita vera è un'altra. E ha ovviamente a che fare con i processi in cui è imputato Berlusconi.

Prima permetteteci un paio di battute sul circo allestito per accogliere il sanguinario dittatore libico. Si tratta di un vero e proprio circo, con tanto di tendone, nani, ballerine (500 donne pagate per ascoltare i tentativi di Gheddafi di convertirle all'Islam), cavalli e cerchi di fuoco. Attraverso uno di questi forse Gheddafi vorrebbe far passare la sottosegretaria Santanché che oggi tace, ma un giorno diede del "pedofilo" in televisione a Maometto. Con lei tacciono anche i paladini della cristianità che vestono le casacche del Pdl, dell'Udc e di frange del Pd.

"L'Europa diventi musulmana" blatera l'anziano dittatore (quello un po' più alto al netto dei tacchi, vestito come un venditore di tappeti, come dice la Lega che però ci risulti adori Odino e un po' meno quel comunista di Gesù Cristo) in preda all'alcol e forse al viagra. Silenzio assoluto dai sedicenti servitori della cristianità.

Comunque, battute a parte, in questo ridicolo incontro che sembra più una puntata di Benny Hill Show, si certifica il passaggio definitivo dell'Italia al novero dei Paesi del Terzo Mondo in termini di appeal diplomatico, credibilità istituzionale e spessore democratico. Sul fronte economico ci hanno già pensato tutti gli indicatori possibili a farci staccare dall'Europa per avvicinarci all'Africa subsahariana.

Ma tutto questo can-can attorno a queste due caricature serve a nascondere la vera posta in gioco nella settimana che precede la riapertura dei lavori parlamentari. Ricordate i 5 punti che Silvio voleva proporre ai finiani per proseguire "l'azione di governo"? Ebbene, 4 di quei punti erano fuffa, così come una buona parte dei sottopunti del 5° punto: la giustizia.

L'unico sottopunto veramente importante è quello del processo breve. Su questo il Cavaliere e i suoi non possono rischiare, altrimenti inizieranno a piovere sentenze di condanna (Mills, Mediatrade per cominciare). E così, per chiarire il campo si può riassumere il tutto nelle parole del piduista Cicchitto: "L'ambiguità produrra solo disastri".

Ovvero: ricordatevi perché siete stati scelti e nominati in Parlamento finché siete in tempo oppure non ci sarà una prossima volta.

---

diventa fan su facebook

vota su oknotizie

foto da wikimedia commons


Altri contenuti in Cronaca

Terremoto-gate. Letta smentito e Berlusconi per premio lo candida al Quirinale

"Quelle brutte persone che ridevano nella notte del terremoto pensando di fare affari a L'Aquila non hanno avuto un euro". Così si era espresso il 12 febbraio Gianni Letta (clicca per vedere il vid...

La vita da immigrati italiani

Il fenomeno migratorio è al centro della storia e della politica italiana da più di un secolo, assumendo prima le proprietà di emigrazione di massa e, solo recentemente, di immigrazione. L’emigrazi...

Operazione trasparenza di Obama: la Cia torturava i presunti terroristi. Ecco come

Operazione trasparenza di grande impatto mediatico per il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Dopo un lungo dibattito l'amministrazione Usa ha deciso di rendere note ufficialmente le tecnic...

Scuole senza soldi. A rischio i corsi di recupero

Le scuole superiori italiane hanno l'obbligo di provvedere al "recupero" delle insufficienze dei loro studenti attraverso corsi pomeridiani con la presenza dei docenti, cui devono ovviamente essere...

La festa della corruzione

Come corrompere un testimone e farla franca. L'avvocato inglese David Mills, divenuto celebre dopo le due condanne in primo grado e in Appello per essere stato corrotto dalla Fininvest di Silvio ...