Skip to main content

La battaglia delle farfalle. Susanna Petruni smascherata?

 |  Redazione Sconfini

Cosa identifica le ragazze di Papi Silvio? Una farfalla! Il bell'insetto, infatti, ha sempre affascinato il premier Berlusconi, al punto che non tarda a regalarlo sottoforma di collier, ciondolo, braccialetto e quant'altro alle ragazze che passano piacevoli momenti di gioia e intimità con il loro pigmalione.

Berlusconi ha anche qualche debole per le belle giornaliste, al punto che ha spesso definito Susanna Petruni la sua preferita. Lei, in tanti anni di professionalità mai messe in discussione, ha ricambiato da par suo. In un bell'articolo apparso su Giornalettismo.com si ricordano i precedenti di questa bella e professionalissima giornalista, ottima rappresentante della stampa italiana asservita. Ricordiamone alcuni meriti:

1. Nel 2002 a Caceres, vertice UE, la Petruni taglia la scena di Berlusconi che fa le corna durante la foto istituzionale.

2. Nel luglio 2003 a Bruxelles, si "dimentica" di raccontare e mostrare Berlusconi che diede del Kapò al tedesco Shultz.

3. Nel settembre 2003, sostituisce le immagini di una platea semideserta ed annoiata durante il discorso di Berlusconi e la sostituisce con la standing di qualche decina di minuti prima, quando a parlare era Bush. Il Financial Times (quei comunisti!) scrissero a proposito: “neppure il tg sovietico ai tempi di Breznev sarebbe riuscito a fare meglio”. Esilarante!

4. Poche ore dopo il terremoto in Abruzzo, lo sciacallo Riotta suggerisce all'ossequiosa Petruni di citare i record d'ascolto ottenuti dal Tg1 con le sue ore di informazione sul sisma e i successivi speciali. La rabbia del web fu molto intensta in quelle ore.

susanna petruni, foto, farfallaInsomma, il palmares professionale e il talento della Petruni sono davvero di tutto rispetto, soprattutto per il parametro principale del giornalismo Rai: il servilismo. Poche settimane però fa ha perso la battaglia del più zerbino con Minzolini, detto il "Minzo" (così lo chiama Berlusconi, noi preferiamo la definizione di Trentalance dell'informazione), per la direzione del Tg1, ma ora è in corsa per quella del Tg2.

Recentemente, secondo Dagospia per mandare una sorta di messaggio subliminale a "chi di dovere", ha sfoggiato una serie di farfalle e farfalline al collo. Un messaggio del tipo: "Silvio, con questo ciondolo ti dimostro le mie capacità inginocchiatorie"?

E' presto per dirlo, ma lei, giustamente, si dice schifata da queste insinuazione e ha già dato mandato ad un legale per denunciare Dagospia, sperticandosi nell'affermare che si tratta di fotomontaggi (la stessa scusa di Topolanek sul suo fallo "photoshoppato" secondo lui a villa Certosa). La risposta di Repubblica è stata quella di reperire il Tg in cui la Petruni indossa effettivamente la farfallina di matrice berlusconiana. Riuscirà ad essere promossa alla guida del Tg2 oppure anche stavolta troverà qualcuno ancor più asservito?


Altri contenuti in Costume e società

Maria Antonietta Colli

Secondo la leggenda (in realtà storicamente non vera) la Rivoluzione Francese iniziata nel 1789 ebbe come motivo scatenante l'infelice frase della regina Maria Antonietta rivolta ai sudditi affamat...

Dai Sarkò, facce Tarzan

Quando la caricatura di un politico francese prende per i fondelli un'italica macchietta incatramata, le reazioni non posso essere previste. E infatti, almeno in Italia, piovono insulti e accenni d...

Vita di coppia: il matrimonio è la tomba dell'amore?

La sessualità è uno stato di grazia In una gabbia non può aver luogo Rompete la gabbia allora, e cominciate a cimentarvi. D.H. Lawrence, Creature selvatiche in prigionia   “Il matrimonio è la ...

Vietato invecchiare: menopausa e andropausa

Le nostre facce sono sigillate, i nostri passi contati, le nostre ore fissate; ma il nostro cuore rifiuta il silenzio. Albert Camus (La morte felice)   Si discute così tanto di menopausa, in questi...

Le scienze esoteriche

Perché la redazione di Help!, che si è sempre contraddistinta per serietà e pragmatismo, offre uno spazio a questo argomento? La domanda è legittima. Forse vogliamo provocare? Oppure c’è un altro o...