Skip to main content

Papi e Gheddy un anno dopo

 |  Redazione Sconfini

Sembra passato un secolo e invece è passato solo un anno, da quando i servi di regime travestiti da commentatori e giornalisti incensavano le grandi capacità diplomatiche di Berlusconi a livello di rapporti con la Libia.

 

Ricordate? I cavalli berberi, i cerchi di fuoco, le 500 ragazze avvenenti che dovevano convertirsi all'Islam, la tenda beduina nel centro di Roma, il baciamano all'inventore del Bunga Bunga?

Due vecchi arrapati, uno con i capelli di plastica e tre chili di cerone in faccia, l'altro con gli occhiali da sole tipo rock star al tramonto e vestito come un venditore di tappeti, avevano tenuto sotto scacco l'informazione italiana per interminabili giorni.

A leccare il culo al sanguinario dittatore non erano però solo i "soliti" servi di regime (tipo quelli del Giornale che parlavano di "inizio di una nuova era", ma anche i comunisti di Repubblica parlavano di "svolta con Tripoli" e titolarono "Gheddafi leader della Libertà"). A chiedere la carità all'assassino nord africano c'erano anche la Confindustria, il solito "genio" D'Alema che ha invitato Gheddafi in pompa magna alla Fondazione Italianieuropei (ribattezzata Beduinieuropei per l'occasione), Napolitano "Da Gheddafi parole di grande moderazione sull'Africa" e tutti i tromboni dei tg di regime e del Corriere. Per non parlare del lungimirante e profondo come sempre Frattini, ministro degli esteri a sua insaputa: "Chi non capisce l'importanza di questa alleanza è prigioniero del passato. Noi guardiamo al futuro".

NOI eravamo allibiti da questa alleanza (e abbiamo le prove 1 - 2 - 3) e forse eravamo quelli che meglio guardavano al futuro.

LORO hanno iniziato a bombardarli pochi mesi dopo la promessa di "rivederci presto". E pensare che erano quelli che avevano fatto aumentare il prestigio dell'Italia all'estero.

---

 

 

diventa fan su facebook

 

vota su oknotizie

 


Altri contenuti in Approfondimenti

Nuovo miracolo del direttorissimo: Tg1 sotto il 20%

Buone notizie per la salute mentale degli italiani. Il prode Minzolini, il direttorissimo nominato da Berlusconi in persona attraverso la servitù di turno, sta riuscendo ad accelerare la sveglia da...

Da Bottino ad Al Tappone. Come costruire un paradiso ai caraibi con soldi pubblici

La puntata di Report di domenica, nella parte in cui ha fatto affiorare il torbido caso del paradiso immobiliare ad Antigua in cui Berlusconi avrebbe investito almeno 20 milioni di euro forse frut...

Craxi, una storia italiana. Quello che Minoli non ha raccontato

Lo sport nazionale di questo periodo sembra diventato la riabilitazione di Craxi. Tra la Moratti che gli dedica vie e giardini di Milano e Frattini che decide di rendere omaggio al "grande statista...

L'elenco delle persone spiate dai servizi al soldo di Berlusconi

segue dalla prima parte Per capire meglio il livello di fedeltà di Pio Pompa al suo capo Berlusconi riportiamo alcuni stralci di un fax inviato al premier il 21 novembre 2001: “Signor Presidente, s...

Il premio Nobel Joseph Stigliz spiega perché non bisogna firmare il TTIP

L'Unione Europea è a un passo dalla firma del cosiddetto Partenariato Transatlantico per il Commercio e gli Investimenti (acronimo ufficiale TTIP) con gli Stati Uniti d'America. Per molti si tratta...