Skip to main content

Perché Berlusconi è stato condannato a 4 anni per frode fiscale?

 |  Redazione Sconfini

Silvio Berlusconi è stato condannato a 4 anni di reclusione per frode fiscale dal Tribunale di Milano ed è anche stato interdetto per 3 anni dai pubblici uffici.

L'interdizione scatterà solo dopo la sentenza di Cassazione. Il reato di frode fiscale è relativo al processo per l'acquisizione dei diritti tv di Mediaset. I giudici hanno prescritto il reato per il 2001 ma non per gli esercizi 2002-03. Ritardi, legittimi impedimenti, lodo Alfano non sono stati sufficienti a far perdere altro tempo a un procedimento durato circa 10 anni.

Ma perché Berlusconi è stato condannato? Ci siamo occupati di descrivere la genesi di questo processo già il 22 settembre 2009. In 10 righe ecco comunque la tesi dell'accusa accolta dai giudici milanesi:

Mediaset anziché comprare direttamente dall'estero format e serie tv americane ad un prezzo X, le faceva comprare ad un prezzo molto maggiorato (10 volte X) alle società di Agrama. Ovvio che se una società decide di spendere di più per acquistare un determinato prodotto che avrebbe potuto pagare 10 volte di meno sono affari suoi, ma ciò diventa un grosso problema se - come accertato dalla sentenza di primo grado - questo trucco serve in realtà a sottrarre utili dal bilancio delle società del premier (Mediaset) per farle passare prima attraverso società estere intestate ad Agrama e poi (come è stato provato dal versamento di 100milioni di euro scoperto su una filiale svizzera dell'Ubs) su conti correnti esteri intestati a Berlusconi (chiamato da Agrama "il Dottore"), ai suoi familiari e a dirigenti Mediaset.

Agrama è stato dunque riconosciuto come socio occulto di Berlusconi e suo complice nell'enorme frode fiscale ai danni dell'Italia che è derivata da questo trucco criminale L'accusa provata, infatti, era quella di appropriazione indebita, frode fiscale e anche truffa ai danni degli azionisti Mediaset che hanno visto i loro dividendi essere succhiati da questo gioco delle tre carte.

La sentenza prevede inoltre che Berlusconi e gli altri condannati versino in via provvisionale all'Agenzia delle Entrate la somma di 10 milioni di euro. E' stato assolto invece Fedele Confalonieri.

Certo, a questo punto colpisce la puntualità della resa di Berlusconi dell'altroieri: "Non mi candido a premier". Forse annusava già nell'aria la fine dei questo processo. Questa condanna, ed è questa la cosa più importante, dovrebbe comunque scongiurare una sua ipotetica corsa al Quirinale.

---

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Approfondimenti

Continuano le epurazioni in Rai: ecco la lettera che ha segnato la fine di tanti giornalisti

Dopo De Strobel, Ferrario, Di Giannantonio e Damosso, il direttore del Tg1 si prepara ad epurare un'altra nemica del suo operato "giornalistico": Maria Luisa Busi sarà probabilmente declassata dall...

Cocaina: prezzi in drastico calo. Ora costa come una pinta di birra

"Una birra o una pista di coca"? Dal punto di vista prettamente economico, ormai non 'è più nessuna differenza e la polvere bianca, un tempo considerato un lusso per i ricchi, si è trasformata in u...

Così com'è, il processo breve è incostituzionale

“Il processo breve serve a difendere Berlusconi contro i processi ad personam”. Paolo Bonaiuti, intervenuto l'altra sera da Bruno Vespa “A Milano c’è una giustizia contra personam”. Maurizio Gaspar...

Trattativa alla luce del sole. 41 bis più morbido per il boss Giuseppe Graviano. Un premio per il suo silenzio?

Una notizia dai contenuti potenzialmente esplosivi è passata decisamente in secondo piano sui principali media italiani. Si tratta dell'ammorbidimento del regime del 41bis cui è sottoposto il boss ...

Da B(erlusconi) a B(latter). Il mondo alla rovescia tra elezioni e arresti

Sarà mai possibile fare un parallelo tra il lunghissimo tramonto di Berlusconi e quello appena iniziato ma che forse sarà più rapido di Blatter? Sì, perché entrambi questi crepuscoli portano uno st...