Skip to main content

Europee, analisi dei flussi elettorali. Renzi ha vinto inglobando berlusconiani e montiani.

 |  Giuseppe Morea

Un'analisi dei flussi elettorali su questo voto europeo è resa difficile perché per avvicinarci a una comprensione il più possibile precisa non abbiamo a disposizione sufficienti dati delle europee 2009.

Ciò perché allora non esisteva il M5S né il partito di Alfano (in quei tempi impegnato a difendere il suo lodo per salvare l'ex datore di lavoro Berlusconi), né tantomeno Tsipras. Tentare di spiegare i flussi elettorali con quella elezione sarebbe quindi assurdo.

europarlamentoVediamo invece come sono andati i partiti principali 15 mesi fa, in occasione delle politiche 2013. Il dato non è omogeneo perché allora ci si presentava in coalizione e non con il proporzionale puro, tuttavia alcuni indizi sono evidenti.

Il PD passa dal 25,4 al 40,8% (+15,8%)

Il M5S Passa dal 25,5 al 21,1% (-4,4%)

Forza Italia (allora Pdl) passa dal 21,6% al 16,8% (-4,8%)

La Lega Nord passa dal 4,1% al 6,2% (+2,1%)

Tsipras (per comodità la associamo a SEL) passa dal 3,2% al 4,0% (+0,8%)

Fratelli d'Italia passa dal 2% al 3,7% inglobando lo 0,5% di FLI (+1,2%)

Nuovo Centrodx esordisce con il 4,4 ma porta in grembo l'1,8 dell'Udc (+2,6%)

Come potete vedere Pd a parte gli scarti sono ridotti e i flussi elettorali abbastanza chiari. NCD prende il 2,6% da Forza Italia che cede il restante 2,2% quasi interamente a Renzi e le briciole alla Lega Nord.

Metà dei voti persi dal M5S (2,2%) può considerarsi voti ex berlusconiani transitati da Grillo per essere recapitati al nuovo uomo della Provvidenza, Renzi. L'altra metà spiega perfettamente la rimonta della Lega Nord e la buona performance di Tsipras che si è posta come lista anti-sistema ma ideologizzata e ha quindi pescato nel voto di protesta ideologizzata del Movimento 5 Stelle.

Ma quindi se il Pd ha recuperato solo poco più di 4 punti da M5S e Forza Italia dove è andato a prendersi il restante 11%? In piccola parte dalle briciole della galassia della sinistra italiana ma in grandissima parte ingoiandosi l'8,3% di Scelta Civica. Considerati i relativamente scarsi scarti degli altri partiti è evidente che il voto orientato dalle grandi corporazioni bancarie, finanziarie e dell'Istruzione privata sono in massa finiti nel partito di Renzi.

E questo non è un buon segno. Sono in vista svendite di aziende strategiche oggi in mano pubblica e una batosta di tasse.

---

 Ti è piaciuta la notizia? Clicca qui e metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per restare sempre aggiornato.


Altri contenuti in Approfondimenti

I colori del Sole nel piatto: il bianco e l’oro della polenta

Un’antenata della polenta nella Roma arcaica era la plutes, una farinata semiliquida a base di farro macinato, ma con l’introduzione del mais in Europa l’alimentazione cambiò. Il mais estese ben pr...

Così com'è, il processo breve è incostituzionale

“Il processo breve serve a difendere Berlusconi contro i processi ad personam”. Paolo Bonaiuti, intervenuto l'altra sera da Bruno Vespa “A Milano c’è una giustizia contra personam”. Maurizio Gaspar...

Il premio Nobel Joseph Stigliz spiega perché non bisogna firmare il TTIP

L'Unione Europea è a un passo dalla firma del cosiddetto Partenariato Transatlantico per il Commercio e gli Investimenti (acronimo ufficiale TTIP) con gli Stati Uniti d'America. Per molti si tratta...

Libertà di stampa. L'Italia scende ancora, ora è 49°

  Ancora un passo indietro per l'Italia nella classifica sulla libertà di stampa. Lo scorso anno, Reporters sans frontiers ha posizionato l'Italia al 44° posto tra i paesi più liberi, il che era g...

Tg1 zeru tituli. Fini e Tarantini spariscono dal Tg

Continua indefessa l'opera di disinformatia del Tg1 di Minzolini e Petruni. Ormai la scomparsa delle notizie è prerogativa assoluta di quello che dovrebbe essere il più importante e completo Telegi...