Skip to main content

Mafia: è tutta colpa di chi ne parla?

 |  Redazione Sconfini

borsellinoPochi giorni fa, il premier Silvio Berlusconi a margine di una conferenza stampa successiva a un Consiglio dei Ministri aveva dichiarato: "La mafia in Italia? Sono i libri, i film e le fiction a farle promozione. La mafia italiana è la sesta al mondo ma è la più conosciuta grazie al supporto promozionale che ha ricevuto dalle otto serie tv della Piovra e anche dalla letteratura, come nel caso di Gomorra". Nessuno ha avuto pubblicamente il coraggio di sostenere la tesi del leader del Pdl ma ne è scaturito un dibattito abbastanza acceso. Saviano, l'autore di Gomorra, ha minacciato di andarsene da Mondadori per difendere il suo diritto di pensiero e parola e in molti lo hanno sostenuto.

In pochi però si sono messi dalla parte di chi quelle parole le aveva anticipate diverso tempo fa. Berlusconi alla luce di questa dichiarazione parrebbe essere il prosecutore di un'ideale linea filosofico-culturale della criminalità organizzata. Non ci credete? Leggete qui:

"E' tutta colpa del film Il Padrino se in Sicilia vengono istruiti i processi per Mafia". Lo ha affermato Michele Greco, boss di Cosa Nostra morto in carcere.

"La camorra esiste solo nella testa di chi scrive". Lo ha detto Nicola Schiavone, il sanguinario esponente del clan dei casalesi.

"Saviano è un buffone e viene a Casale per fare i libri... faccia i libri in cui parla di sè stesso, di quelli ne può fare a migliaia! Saviano ha detto un sacco di bugie... nel 1995 furono i comunisti a prendersi tutto, i camorristi sono loro". Il padre di Sandokan Schiavone.

"C'è uno strumento politico ed è il partito comunista. Ci sono i Caselli, i Violante, questo Arlacchi che scrive libri...". Toto Riina (grande anticipatore del berlusconismo).

Di tutt'altro tono la filosofia (di destra) di Paolo Borsellino, il magistrato ucciso nel luglio 1992 nella strage di via D'Amelio: "Parlate di mafia, parlatene alla radio, alla televisione, sui giornali, ma parlatene". "La lotta alla mafia non deve essere soltanto una distaccata opera di repressione, ma un movimento culturale e morale che coinvolga tutti, soprattutto le giovani generazioni...".

Secondo voi di quale destra bisogna fidarsi?

---

vota su oknotizie

diventa fan su facebook


Altri contenuti in Approfondimenti

Adozioni internazionali (parte II): il viaggio, ansie ed aspettative

Finalmente è arrivata la telefonata tanto attesa e, di colpo, si è trascinati da un turbinio di emozioni talmente forti da lasciare quasi storditi. Ci si sente addirittura sciocchi, tanto è facile ...

Papi e Gheddy un anno dopo

Sembra passato un secolo e invece è passato solo un anno, da quando i servi di regime travestiti da commentatori e giornalisti incensavano le grandi capacità diplomatiche di Berlusconi a livello di...

Europee, analisi dei flussi elettorali. Renzi ha vinto inglobando berlusconiani e montiani.

Un'analisi dei flussi elettorali su questo voto europeo è resa difficile perché per avvicinarci a una comprensione il più possibile precisa non abbiamo a disposizione sufficienti dati delle europee...

Meglio che il M5S stia lontano da Farage

La caccia ai 17 voti del M5S è iniziata anche in Europa. Se benino ha fatto Grillo a tenersi lontano da Bersani nel marzo 2013, ancora meglio farebbe a tenersi lontano da Farage nel Parlamento Euro...

Esempi di disinformazione ai tempi di Renzusconi: Huffington Post

Lezione di propaganda n.1. Intervista un esponente che secondo il pensiero comune è sufficientemente alternativo al pensiero del regime; fai domande su un tema caro al tuo padrone ma che la prudenz...