Skip to main content

Il ricatto di Alessandria: lavori, le banche ti prestano i soldi dello stipendio e poi forse lo restituisci con gli interessi

 |  Redazione Sconfini

Il Comune di Alessandria si appresta suo malgrado ad assurgere al ruolo di perfetto specchio dell'intreccio tra malapolitica, lobbies bancarie e avvoltoi.

Alessandria è la proiezione futura di quello che si vivrà in moltissime parti d'Italia tra pochi mesi.

Il Comune è ufficialmente fallito il 12 giugno scorso, come decretato dalla sezione regionale piemontese di controllo della Corte dei Conti. Da allora, le municipalizzate in primis sono entrate in crisi di liquidità pur essendo ancora operative. A farne le spese sono ovviamente i lavoratori che hanno ricevuto una proposta altamente indecente per riuscire a tirare a campare.

Ma facciamo un passo indietro. La grande sfortuna del recente passato del Comune di Alessandria si chiama "abolizione dell'Ici" voluta dal governo Berlusconi pochi anni fa, abbinata al fattore "Piercarlo Fabbio" ex sindaco Pdl che è stato rinviato a giudizio per aver "truccato" il bilancio consuntivo 2012 per rispettare il patto di stabilità. Con lui risponderanno di falso in bilancio, abuso d'ufficio e truffa ai danni dello Stato l'ex assessore Luciano Vandone e l'ex capo della ragioneria comunale Carlo Alberto Ravazzano.

L'ottimo amministratore pidiellino, tra le altre cose, è stato tra i principali protagonisti dell'indebitamento cui il Comune ha fatto ricorso per compensare i tagli nei trasferimenti e l'abolizione dell'Ici con la banca Barclays per un totale di 9 milioni di euro.

La grande sfortuna del presente del Comune di Alessandria è il sindaco Pd Rita Rossa, ma ancora di più il marito Ezio Guerci che secondo la stampa locale sarebbe dietro al ricatto che stanno subendo i lavoratori delle municipalizzate alessandrine. Guerci è infatti consigliere della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria fusa con la Legnano e azionista della controllata Bpm.

Ebbene, arriviamo alla "proposta" fatta ai 500 lavoratori di Atm (trasporti), Amiu (rifiuti) e Aspal (pluriservizi) che da questo mese sono senza stipendio:

1) aprire un conto corrente con la Banca di Legnano (a zero spese);

2) accendere una linea di credito con la banca per vedersi prestati i soldi del loro stipendio;

3) accettare il fatto che, se il Comune non ripagherà con gli interessi la banca, questa possa rivalersi con i dipendenti chiedendogli indietro i soldi con gli interessi (i primi 3 mesi sono a 0 interessi).

Si può certo convenire che un Comune fallito farà parecchie difficoltà a pagare i debiti che si accumuleranno così i lavoratori continueranno a lavorare, usufruiranno di un prestito anziché avere uno stipendio e poi restituiranno tutti i soldi con gli interessi alla banca.

Ecco dove ci porta l'acquiescenza dei politici nei confronti delle banche. Al fatto che queste si prendono tutto, con i nostri soldi: le municipalizzate e la vita dei cittadini inermi.

---

 

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Economia

Il costo del regime? Quasi 10 milioni di euro al mese

  Il costo degli abusi che la Rai sta perpretando ai danni della democrazia e dei cittadini per meglio servire il padrone inizia a presentare il conto. La parte dell'Agcom non tenuta sotto scacco d...

Sono 291.000 in più i disoccupati rispetto al 2007

Impennata improvvisa della disoccupazione in Italia. Negli ultimi dodici mesi, l'indice è passato dal 5,7% del secondo trimestre 2007 al 6,8% del secondo trimestre 2008. Un aumento di oltre il 20% ...

Lavorare meno, lavorare tutti il nuovo slogan del Governo

  La fragilissima situazione economica mondiale, che sta investendo anche l'Italia, ha prodotto un'intuizione del Ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. In sintesi l'idea è questa: per evitare che ...

Quanto ci è costato un anno di governo Berlusconi-Tremonti? 520 euro in più a testa.

  La voragine del debito pubblico si sta allargando in un modo così esagerato da non trovare più alcun raffronto con altri periodi storici. Tra una notizia sull'emergenza caldo (novità assoluta in ...

La follia del ricatto a Cipro

Ciò che potrebbe accadere ai cittadini di Cipro nelle prossime ore è indicativo di quanto malato possa essere in questo momento il sistema finanziario europeo. L'isola è quasi in default, come orma...