Skip to main content

Debito pubblico record: si vola verso i 2.000 miliardi di euro

 |  Redazione Sconfini

Non sembra che il governo Monti e i suoi professori siano stati in grado di rallentare neppure di un po' la corsa del debito pubblico italiano.

La ricetta tagli + tasse, tipica della lungimiranza di un organismo monocellulare, non ha dato i frutti attesi da questi extraterrestri scesi dall'iperuranio bocconiano, bensì quelli che la massaia di borgata aveva più correttamente previsto: disoccupazione, recessione, crollo dei consumi, blocco della produzione, chiusura di aziende, stallo del mercato immobiliare. Risultato di settembre: 1.990 miliardi di debito con un incremento di 19,5 miliardi in un solo mese!

Tutti risultati che non ripagano il leggero raffreddamento dello spread. A furia di accise sulla benzina, tasse sulla casa, aumento dell'Iva e del costo della vita, dei prezzi dell'energia e il risparmio nullo sui rami secchi della spesa pubblica, la gente non ha più denaro o voglia di spendere denaro e sta bloccando la domanda.

Senza domanda non si fattura e senza fatturato non ci sono soldi per pagare le tasse e senza introiti che coprano almeno gli interessi sul debito quest'ultimo aumenta a dismisura. Insomma, la ricetta bocconiana è un totale fallimento anche dal punto di vista numerico. Non parliamo poi degli enormi danni sociali e psicologici inferti alla popolazione da questa sottospecie di eredi dell'aristocrazia classista medievale.

Ci arrivava anche un lobotomizzato con la terza elementare. Ma questi fenomeni dell'economia iperliberista no. Può essere? Oppure è tutto voluto?

Se non si è più in grado nemmeno di pagare gli interessi sul debito non si potrebbe azzerare il finanziamento ai partiti? Chiudere il cantiere dell'inutile e costosissima Tav? Rispedire indietro (come hanno già fatto altri Paesi) gli ordini dei cacciabombardieri e già che ci siamo far rincasare i nostri soldati "esportatori di democrazia"? Far pagare l'Imu al 100% al Vaticano almeno negli edifici in cui ci lucra? Fare accertamenti fiscali ai proprietari di barche di lusso o su chi vive 6 mesi all'anno in hotel di extralusso invece di accanirsi contro artigiani e baristi? Oppure aumentare al 30% il prelievo sui disonesti che hanno beneficiato dello scudo fiscale?

Anche intervenendo su questi pochi e ragionevolissimi punti, in pochi mesi si potrebbe ridurre il debito pubblico di oltre cento miliardi consentendo almeno al Paese di riuscire a pagare gli interessi sul debito e nel contempo andare ad attaccare un piccolo pezzo della base nominale del debito.

Ma questo non è lavoro per curatori fallimentari.

---

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Economia

Abbiamo risolto il problema del debito pubblico grazie a due ingenui giapponesi. Anzi no! Anzi forse...

Evviva, abbiamo risolto il problema del deficit pubblico per un paio d'anni! Anzi forse, anzi no. Nel dubbio, sai che facciamo? Insabbiamo tutto. Sembra essere questo, grossomodo, l'andamento di un...

L'eredità di Monti: 1200 provincie, 140 regioni, 12 Parlamenti, 60000 comuni in più

                In questi giorni è di grandissima attualità l'aggiornamento dei ladri di galline, gaglioffi, mignotte e arrivisti amici della malavita, finiti in inchieste giudiziarie o addirittura...

Auto di lusso ed evasione fiscale

Che l'Italia sia il paese leader del mondo per quanto riguarda la percentuale di evasori fiscali è un sospetto, ma non è una grande novità. Il fatto che poi questo andazzo sia legittimato dai conti...

Questione di bilancio

Sono una lettrice di Help! e dopo aver letto la tua rubrica mi sono fatta forza e ho deciso di condividere quello che per me rappresenta un problema da alcuni anni. Ovviamente non ne parlo con ness...

Lo sapevi che se il mondo fosse iniziato 10 anni fa l'Italia sarebbe la nazione più povera del mondo?

Stavolta mister B. aveva ragione. Siamo un paese di merda.   Ai tempi della sua discesa in campo l'Italia, pur essendo stata piegata da Tangentopoli e dal craxismo, era la quinta potenza mondiale e...