Skip to main content

Gelmini in retromarcia. Niente maestro unico obbligatorio e rinvio di un anno della riforma delle superiori

 |  Redazione Sconfini

 

vignetta, gelmini, scuola, dietrofront, retromarciaAlla fine, seppur la Ministro Gelmini ovviamente dichiara "nessuna retromarcia", la versione integralista del Decreto che ha mobilitato centinaia di migliaia di studenti nei mesi scorsi è stata ammorbidita di molto.

Tra i cavalli di battaglia del Ministro c'era il maestro unico, sbandierato in nome del ritorno alla scuola di un tempo e di progresso, ma contestatissimo proprio dagli insegnanti: ebbene, il maestro unico a 24 ore settimanali sarà solamente una delle quattro opzioni previste dalla versione (presumibilmente) definitiva del Decreto. I genitori potranno scegliere infatti anche tra l'opzione delle 27, delle 30 e delle 40 ore (il tempo pieno) con due insegnanti per classe, che nella versione originale parevano dover scomparire. Nessun obbligo per le scuole, cui verrà lasciata autonomia nell'offerta scolastica. Decisivo, qualora fosse da considerarsi insufficiente la tumultuosa protesta di studenti, alunni, insegnanti, mamme e professori, il parere della commissione Cultura della Camera.

Alle medie l'orario settimanale sarà a 30 ore anziché a 29 come previsto nel Decreto originario e, soprattutto, non sarà aumentato il numero massimo di studenti per classe, in modo da non rovinare la qualità dell'insegnamento.

Tra le modifiche relative alle scuole superiori, la più importante riguarda senza dubbio lo slittamento all'anno scolastico 2010/11 della riforma delle scuole superiori per dare "modo alle scuole e alle famiglie di essere correttamente informate sui rilevanti cambiamenti e sulle innovazioni degli indirizzi" si legge in una nota del Ministero dell'Istruzione. In ogni caso si andrà verso una semplificazione degli indirizzi scolastici: 5 licei (aboliti 815 ordinamenti speciali e sperimentazioni) e 11 indirizzi per gli istituti tecnici, mentre nulla ancora si conosce delle scuole professionali.

Canta vittoria il PD, attraverso il segretario Walter Veltroni, ma la sensazione è che il parziale successo dell'Onda di protesta, sia dovuta alla continuità e dalla forza dei manifestanti e degli studenti più che dall'appoggio dell'opposizione, la quale ha dato il meglio di sé solo nella giornata - comunque di grande successo - del Circo Massimo. Non c'è dubbio, invece, che l'impopolarità del Piano-Gelmini originario e le conseguenti vivaci proteste hanno costretto il Governo alle corde e a prendere tempo, procrastinando il piano per le superiori e di fatto quasi mantendendo lo status quo alle elementari.

Per adesso quindi, tanto rumore per (quasi) nulla, il prossimo anno si vedrà.


Altri contenuti in Politica

Sonia Alfano: Berlusconi ha responsabilità nelle stragi mafiose del '92

E' una Sonia Alfano più che mai combattiva quella che si è presenta oggi all'Europarlamento con un breve intervento destinato a lasciare un segno (in Europa, ovviamente, non in Italia): "In Italia ...

I fatti della vita privata di Papi che il Tg1 non racconta

Continua la spudorata operazione di disinformazione e manipolazione della realtà da parte del Tg1 e degli altri telegiornali di regime. Minzolini, Giordano, Mimun, Fede, Petruni (recentemente promo...

Silvio "Cesare" Berlusconi non riuscirà a dire: tu quoque Brute fili mi. Perché i suoi bruti saranno già in galera

Macché accerchiato. Il povero Berlusconi è rimasto solo con il cerino in mano. In breve tempo tutte le sue quinte colonne sparse sul territorio stanno finendo sotto inchiesta o (virtualmente) diet...

Zavoli eletto presidente della Commissione di Vigilanza Rai. I dubbi sulla soluzione

Con la nomina di Sergio Zavoli, ufficializzata nella tarda mattinata del 4 febbraio, si chiude - apparentemente, come vedremo - il vuoto istituzionale creato dopo il blitz politico che ha portato, ...

Rutelli con Casini. Il Pd verso la scissione

Neppure finito lo champagne stappato per brindare alla vittoria (di Pirro) alle primarie del Partito Democratico, che il povero Bersani deve già fare i conti con la scissione dei centristi moderati...