Skip to main content

Santoro batte Vespa 5,5 a 3,2 (milioni di spettatori)

 |  Redazione Sconfini

In questo momento sono più i berlusconiani o gli antiberlusconiani in Italia? Stando ai consensi bulgari (68%) sbandierati dal premier quotidianamente i berlusconiani sembrerebbero essere una maggioranza schiacciante. E così era almeno in parte, fino a qualche mesetto fa. Ora però l'appeal del Cavaliere è molto appannato e anche i suoi fedelissimi spettatori-fan-elettori gli voltano le spalle.

Nonostante una controprogrammazione ridicola e spostamenti di trasmissioni, la grande bugia sulla consegna delle case di Onna della scorsa settimana, anticipata da un battage informativo pubblicitario senza precedenti ha fatto flop. Vespa ha conquistato solo 3,2 milioni di telespettatori (18% di share). Berlusconiani in fuga? Forse.

Ieri è stato il momento di verificare la tenuta degli antiberlusconiani, mai così pimpanti e orgogliosi di essere etichettati dal candidato premio Nobel per la Pace (non è una barzelletta è vero) Berlusconi prima come "coglioni" e ora come "farabutti" e dall'elegante e raffinato Brunetta "elite di merda". Ieri sera era il giorno di AnnoZero, boicottato dai dirigenti servi del governo fino all'ultimo secondo, con contratti ancora mancanti e spot mai mandati in onda per non far sapere agli italiani che ripartiva la trasmissione. Risultato? Oltre 5,5 milioni di spettatori (22,88% di share).

Per la prima volta gli imbambolati video dipendenti hanno saputo chi è Tarantini e cosa ha fatto Patrizia D'Addario, due personaggi così scomodi al Presidente del Consiglio da non essere quasi mai presenti nei Tg nazionali.


Altri contenuti in Politica

Dai partigiani ai parmigiani

In maniera del tutto pacifica e democratica, seppur con un anno di ritardo, anche il Mediterraneo settentrionale sta vivendo la sua primavera. L'Italia, da sempre poco incline a prendere le armi pe...

Le rivelazioni shock della settimana: Lavitola, De Gregorio, Craxi

In un paese dannatamente smemorato come l'Italia è cosa buona e giusta rispolverare di tanto in tanto alcuni scandali più o meno celati, più o meno eversivi e più o meno indicativi dello stato in c...

Scacco matto

Con quattro mosse in meno di 24 ore Beppe Grillo ha impresso un'accelerazione straordinaria al processo di rinnovamento della politica italiana. La prima quando ha pubblicato sul suo blog la richie...

Renzi e quella pensione da dirigente maturata all'insaputa dei contribuenti

Nell'aprile di un anno fa Marco Lillo sul Fatto Quotidiano dimostrò che Renzi si era furbescamente fatto assumere da dirigente nell'impresa di famiglia pochi giorni prima di essere eletto president...

Metalli pesanti

Non bastava il memoriabile "il grillino che è in me" di Filippo Facci. Ora a correre sul carro dei (possibili) vincitori del futuro si precipitano anche i trafelati leccapiedi di Berlusconi e della...