Skip to main content

Rutelli con Casini. Il Pd verso la scissione

 |  Redazione Sconfini

Neppure finito lo champagne stappato per brindare alla vittoria (di Pirro) alle primarie del Partito Democratico, che il povero Bersani deve già fare i conti con la scissione dei centristi moderati e dei teocon. "Con Casini, ma non subito e non da solo" questa la minaccia (o promessa?) che Francesco "El Cicoria" Rutelli ha rilasciato a Bruno Vespa commentando la vittoria di Bersani per la segreteria del Pd.

"Mentre Berlusconi detta l'agenda al paese, nel nostro campo da un lato i moderati sono sempre più attratti da Casini e dall'altro guardano a Di Pietro, che batte solo su un punto Berlusconi è un mascalzone, e se incontra sulla propria strada il presidente della Repubblica, non risparmia neppure lui. Per riparare, il Pd si sbilancia a sinistra, e così peggiora la situazione, e si isola" dice Rutelli a Vespa. Il Pd che si sbilancia a sinistra non piace alle parrocchie e così il centrismo riacquista forza in un'Italia che a larghi strati sente il bisogno di moderazione dopo le tempeste mediatiche e a-politiche degli ultimi mesi.

Se a queste grandi manovre si sommano le forti tensioni che nel centrodestra si registrano sul caso Tremonti e le barricate della Lega a difesa del ministro e a favore delle candidature leghiste in Piemonte e Veneto il risultato è chiaro: siamo probabilmente a un passo dalle elezioni anticipate.


Altri contenuti in Politica

Regionali 2005. Quando i forcaioli giustizialisti erano del Pdl

In attesa che si sciolga il nodo sull'ammissione della lista del Pdl nella provincia di Roma per le imminenti regionali, giova ricordare un po' di aforismi e citazioni di importanti personaggi dell...

L'Italia è ridotta ad un film di Alvaro Vitali? La colpa è del Pd

  Se l'Italia è ridotta, da un anziano corruttore ed erotomane frequentatore di prostitute, ad un film di Alvaro Vitali la colpa è di chi avrebbe potuto risparmiare al Paese questa piaga. Ovvero di...

Aspettando il rigor Montis

Il cosiddetto decreto Salva-Italia ha moltissime pecche in quanto bastona principalmente i soliti noti cioè lavoratori e pensionati, non ha all'interno nulla per creare sviluppo economico (anzi, tu...

Il new deal di Matteoli, 16,6 miliardi per la Salerno-Reggio Calabria e il Ponte sullo Stretto di Messina entro la fine 2009

In un'intervista radiofonica a Radioanch'io, il Ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli ha dato il via ad una sorta di New Deal all'italiana per uscire dalla crisi: 16,6 miliardi di euro di i...

I bonifici della libertà

Abbiamo ormai scoperto che con un po' di fortuna si possono trovare in giro benefattori che a tua insaputa ti comprino un casa. Il mezzanino vista Colosseo del dimissionario Scajola è stato un prim...