Skip to main content

Primarie Pd a Palermo: o lo fanno apposta, o portano sfiga o sono pericolosi per loro stessi

 |  Redazione Sconfini

Passi per Milano, dove Pisapia sostenuto da Vendola ha rovesciato il tavolo del Pd meneghino,

passi per Napoli dove De Magistris e le sue civiche hanno annichilito il candidato ufficiale del partito bersanian-dalemian-veltroninano, passi per le primarie di Genova dove la candidata ufficiale del Pd è stata battuta dallo sfidante Doria.

Ma a Palermo no. A Palermo non è possibile. Perdere "in casa", con regole da loro stessi scritte e dettate, con una candidata dal nome imbattibile per qualsiasi realtà politica onesta come Rita Borsellino non può essere senza ripercussioni.

Se di fatto a ogni latitudine, ad ogni appuntamento con le primarie, con qualsiasi situazione meteo e quindi ogni volta che il partito chiede ai suoi elettori di valutare le loro scelte sui candidati si rimediano figuracce memorabili c'è qualcosa che non va. Questa gente non solo ha perso il polso dell'italiano, ma non è neanche in grado di vincere a braccio di ferro con un bambino di 3 anni. Cosa se ne faranno di quei fiumi di milioni di euro che incassano continuamente per "il territorio" se poi cercano in imporre le loro persone ai cittadini venendo continuamente ridicolizzati?

Le ipotesi sono 3: o portano sfiga, o lo fanno apposta, o sono pericolosi per loro stessi e quindi anche per tutti gli italiani. Povera Rita Borsellino, ennesima vittima della sagacia dalemiana per le scoppole elettorali.

Il corto circuito è evidente. Questi marziani allampanati che vivono a Roma protetti da scorte e prebende nell'ovattato e dorato mondo istituzionale hanno perso il senno. Lasciare in mano il futuro della principale coalizione antiberlusconiana a questi qui è peggio che viaggiare a fari spenti nella notte.

E' come andare in un raffinato ristorante e scegliere cacca di cane secca invece delle prelibatezze della casa.

---

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Politica

Ipse dixit: anno 2006, le chiavi e il rating

Ottobre 2006. Il governo Prodi è in carica da 5 mesi e ha scoperto da poco una nuova voragine nei conti pubblici provocata dalle "ottime" intuizioni di Berlusconi e Tremonti, inventore della finanz...

Cucina con retromarcia

Sottoforma di domanda retorica, non un'esplicita ammissione di malafede, ma arriva puntuale la retromarcia del Giornale di Vittorio Feltri sull'inchiesta giornalistica più pasticciata che i cronist...

L'Italia corre il rischio di una bancarotta? Due ipotesi a confronto

L'improvvida uscita, sebbene poche ore dopo parzialmente ritrattata come da bravo allievo berlusconiano, del Ministro Sacconi "non possiamo permetterci neanche lontanamente che vada deserta un'asta...

Ieri è stato votato l'emendamento per abolire il Senato: bocciato dal PD

La propaganda del regime renzusconico non smette di ricordarci ogni giorno che l'indefesso premier Renzi vuole a tutti i costi tagliare i costi snellendo il Senato. Naturalmente è una bugia sesquip...

Tutta colpa dei comunisti

"Del quadro attuale - ha dichiarato il premier Berlusconi nella conferenza stampa di presentazione della manovra per evitare la bancarotta dell'Italia, "portano la responsabilità sia i governi cons...