Skip to main content

La fuga di Morticia Fornero

 |  Redazione Sconfini

Povera Morticia Fornero, ovunque vada si vede costretta a levare le tende prima del tempo a causa di contestazioni, fischi, insulti di cittadini comuni, gruppi organizzati, attivisti politici, disoccupati, esodati, cassaintegrati e chi più ne ha più ne metta.

La povera maestrina tanto brava tra i banchi di scuola quanto pasticciona e spocchiosa quando scende dall'iperuranio oggi se n'è uscita con un'altra geniale frase per stimolare i giovani alla ricerca di lavoro, in un contesto che vede ampliarsi a dismisura la percentuale di giovani senza lavoro né educazione (i cosiddetti neet), senza prospettive per il futuro, costretti a combattere contro percentuali di disoccupazione da Paese dell'Africa Nera.

"Giovani, non siate troppo choosy (ovvero esigenti, selettivi ndr) nella scelta del posto di lavoro. Lo dico sempre ai miei studenti: è meglio prendere la prima offerta di lavoro che capita e poi, da dentro, guardarsi intorno, non si può aspettare il posto di lavoro ideale, bisogna mettersi in gioco" ha osato dire dal palco di Assolombarda a Milano.

Insomma: fate le puttane cari giovani. Se non lo volete fare direttamente, praticando l'antica ars amatoria, fatelo almeno intellettualmente. Cogliete la prima occasione lavorativa e iniziate fin da subito a tramare contro il datore di lavoro che vi ha selezionato per ficcarglielo in quel posto al momento propizio per salire su un altro carro appena il vostro grado di puttanaggine riesce a scovare un altro pollo da spennare.

Pazienza se poi quell'imprenditore onesto dovrà rifare le selezioni, addestrare un nuovo lavoratore, investire soldi, veder bloccata la macchina produttiva.

Ovviamente il punto non è solo in questa visione arrivista, carrierista e infedele della "lavoratrice" Fornero. Il punto grave è quello di non capire che la stragrande maggioranza dei giovani disoccupati non è che fa la schizzinosa. E' che non si vede offerto neanche un posto di lavoro umile.

Ma questo è inutile spiegarlo alla madre di una figlia bravissima, che ha dovuto subito accettare suo malgrado un posto da docente nell'Università in cui insegnava Morticia e pure il marito, nonché padre della bravissima e intelligentissima figlia. Lei non è stata choosy. Ha avuto culo.

Se le avessero proposto di fare la bagascia però Elsa l'avrebbe certamente invogliata a iniziare la carriera. Poi, da dentro, ci si guardava intorno. Alla ricerca di un nuovo pappone.

---

diventa fan su facebook

foto: un momento della contestazione di Torino (Skytg24)


Altri contenuti in Politica

Piccole trote crescono

Il problema delle selezione della classe dirigente in Italia comincia a farsi pesante. I partiti sembrano voler tracimare dagli steccati della ragionevolezza per dilagare con le loro specifiche "co...

Caso Marrazzo: una sconfitta per tutti

Sono settimane che non si parla d’altro: l’ex governatore della Regione Lazio Marrazzo si è dimesso dalla sua carica, travolto da uno scandalo a luci rosse riguardante la sua vita privata. Inutile ...

Occhio Ilda, arriva l'esercito delle libertà

"Arriva un momento nella vita in cui capisci che combattere per un ideale non è più una scelta, ma un obbligo". Simone Furlan inizia così il suo post di presentazione del progetto da lui ideato "L'...

Bocciata anche la lista di Formigoni. Sul Lazio ironia e sarcasmo sul web. A Padova votano pure i morti

Ma cosa diavolo sta succedendo in casa Pdl? La corazzata berlusconiana che pareva avere in mano molte comode vittorie, per abbandono dell'avversario, alle imminenti elezioni amministrative perde ...

Federalismo fecale

Sarà certamente un caso, ma il default verso il quale si sta proiettando con testardaggine l'Italia ha iniziato a prendere concretamente forma poche settimane dopo l'avvio del cosiddetto federalism...