Skip to main content

Una laminectomia correttamente eseguita

Abbiamo esaminato la documentazione fattaci pervenire allo scopo di verificare un possibile nesso di causalità tra l’operato sanitario e la sintomatologia accusata da un assistito dopo un intervento chirurgico di laminectomia.

- Il primo intervento chirurgico subito dal sig. D risale al 1968, quando fu operato per un’ernia discale lombosacrale presso l’ospedale Alfa.

- Nel 1978 l’assistito venne nuovamente ricoverato presso il medesimo nosocomio, con ingessatura del tronco.
- Nel 1996 il sig. D venne ulteriormente ricoverato presso l’ospedale Alfa per una “Probabile compressione, a livello D8-D9, del midollo spinale” e, dopo una serie di accertamenti, venne trasferito all’ospedale Beta con diagnosi di “Emangioma in quadro di stenosi del canale dorsale D8-D11”.
- Il 7/10/1996 l’assistito venne sottoposto a laminectomia D8-D11, dopo la quale presentò una paraplegia tuttora perdurante.

Dall’analisi delle cartelle cliniche e dalla visione degli esami strumentali prodotti la Commissione medica di Tu.Di.Ma. ha potuto evincere quanto segue:
1. già il 13/9/2006, quindi prima dell’intervento chirurgico, il sig. D presentava “Deficit deambulatorio da compressione midollare”.
2. L’intervento decompressivo in un canale stretto per l’asporto di un angioma premidollare (intervento indispensabile!) ha un’elevatissima probabilità di peggioramento della sintomatologia preesistente, anche in un intervento come quello in questione, che appare eseguito correttamente.
3. L’assistito presentava, già prima dell’intervento, un’importante paraparesi spastica, indice di danno midollare, nella maggior parte dei casi irreversibile anche dopo l’atto chirurgico.
4. All’intervento venne diagnosticato un angioma extradurale la cui diagnosi preoperatoria, anche dopo presa visione degli esami correttamente eseguiti, era praticamente impossibile. Il sig. D andava comunque operato e l’asportazione di un esangioma – anche nelle mani più abili e con precisa diagnosi preoperatoria – presenta elevati rischi di danno vascolare (ischemico) midollare.
5. La paraparesi spastica è inoltre perfettamente compatibile con la patologia di base presentata dall’assistito.

In base ai dati e ai documenti pervenutici abbiamo pertanto ritenuto di dovere esprimere un parere non favorevole alla prosecuzione dell’iter risarcitorio, non avendoriscontrato elemento alcuno riconducibile a malpractice, che potesse giustificare una qualche richiesta risarcitoria.



Altri contenuti in Malasanità

Un mercato attorno gli specialisti medici

Carissima Giulia,il mese di agosto e poi il ritorno faticoso alle usuali occupazioni hanno ritardato la risposta al Suo commento: spero che nel frattempo Lei sia ancora “dei nostri”. Qualche giorno...

Patologia infettiva post appendicectomia

La struttura sanitaria non può essere ritenuta responsabile per la patologia infettiva lamentata da una paziente sottoposta ad un intervento di appendicectomia. - Il 10 aprile 2003 la sig.ra C, tra...

Una frattura dello scafoide non riconosciuta dai sanitari

E' stata accertata la responsabilità della struttura ospedaliera per una frattura dello scafoide carpale non diagnosticata tempestivamente, che ha comportato un'invalidità permanente all'assistita....

Malainformazione batte malasanità 8 a 2

«Oggi i clinici esercitano di fatto una professione ad alto rischio. Accusati penalmente per errori veri e, il più delle volte, presunti, ricadono al pari degli omicidi sotto le norme penali del Co...

Malsanità e medicina difensiva

Malasanità è un vocabolo che fa audience: già dal suono lascia intendere che si affronterà un argomento negativo, magari con qualche morto, magari con qualche scandalo, temi che sempre attraggono l...