Skip to main content

Una frattura del femore correttamente trattata

Abbiamo esaminato la documentazione fattaci pervenire allo scopo di verificare un possibile nesso di causalità tra l'operato dei sanitari e la sintomatologia accusata dall'assistita dopo un intervento chirurgico al femore.
- Il giorno 13/12/2004, a seguito d'una caduta accidentale da una scala a pioli, la sig.ra P venne trasportata in ambulanza all'ospedale Alfa, dove le venne diagnosticata la "Frattura collo femore destro".

- Per mancanza di posti letto l'assistita venne trasferita presso l'ospedale Beta.
- Il giorno 15/12/2004 la sig.ra P venne operata e sottoposta a "Rx di controllo post operatorio"; rimase poi allettata per 8 giorni.
- Vennero ripetuti gli esami radiologici il giorno 22/12/2004 (esiste poi anche un referto del giorno 22/12/2004 dove, crediamo per una svista, viene indicato un intervento all'anca sinistra anziché destra).
- Il giorno 23/12/2004 l'assistita venne dimessa, nonostante lamentasse forti dolori e trasportata a casa in ambulanza.
- Da dicembre 2004 a febbraio 2005 l'assistita rimase a casa, camminando con deambulatore.
- Vennero effettuate radiografie di controllo il 20/1/2005.
- A febbraio 2005 la sig.ra P venne ricoverata presso la clinica Gamma, per 40 giorni di riabilitazione, senza peraltro ottenere miglioramenti e continuando ad accusare dolori.
- Il giorno 22/3/2005 venne dimessa.
- Persistendo i dolori, l'assistita si rivolse all'ortopedico di fiducia, dott. M, che le consigliò "Ricovero per intervento di revisione protesica di tipo press-fit totale".
- Il giorno 2/2/2006 la sig.ra P venne ricoverata presso la clinica Delta per "Mobilizzazione asettica endoprotesi cementata anca dx", eseguita il giorno 3/2/2006 .
- Trasferita al reparto di Riabilitazione della stessa clinica il giorno 8/2/2006, venne dimessa il giorno 25 /2/2006, continuando il programma riabilitativo fino a giugno 2006.
- Attualmente l'assistita accusa problemi di deambulazione e postura, con dolore lombare e l'arto destro è di circa 1 cm più lungo del sinistro.


Dall'analisi delle cartelle cliniche e dalla visione degli esami strumentali prodotti la Commissione medica di Tu.di.Ma. ha potuto evincere quanto segue:


1. nell'elettromiografia del 17/3/2005 si era evidenziata una parziale sofferenza del nervo femorale destro e dei muscoli vasto mediale e laterale destro, con della deambulazione.
2. Per tale motivo si è richiesto un ulteriore controllo elettromiografico che non ha confermato la persistenza del danno parziale iniziale.
3. Si è pertanto ritienuto che possa essere avvenuto un recupero spontaneo, confermato dal miglioramento nella deambulazione dell'assistita e dalla diminuzione e/o scomparsa della iper algesia alla faccia anteriore mediale della coscia destra.

In base ai dati e ai documenti pervenutici abbiamo pertanto ritenuto di dovere esprimere un parere non favorevole alla prosecuzione dell'iter risarcitorio, non avendo riscontrato elemento alcuno riconducibile a malpractice, che potesse giustificare una qualche richiesta risarcitoria.


Altri contenuti in Malasanità

Errori in sala parto

Abbiamo esaminato la documentazione fattaci pervenire allo scopo di verificare un possibile nesso di causalità tra l’operato della struttura sanitaria in occasione del parto della sig.ra M e la sin...

Una laminectomia correttamente eseguita

Abbiamo esaminato la documentazione fattaci pervenire allo scopo di verificare un possibile nesso di causalità tra l’operato sanitario e la sintomatologia accusata da un assistito dopo un intervent...

Malainformazione batte malasanità 8 a 2

«Oggi i clinici esercitano di fatto una professione ad alto rischio. Accusati penalmente per errori veri e, il più delle volte, presunti, ricadono al pari degli omicidi sotto le norme penali del Co...

Una frattura dello scafoide non riconosciuta dai sanitari

E' stata accertata la responsabilità della struttura ospedaliera per una frattura dello scafoide carpale non diagnosticata tempestivamente, che ha comportato un'invalidità permanente all'assistita....

Malsanità e medicina difensiva

Malasanità è un vocabolo che fa audience: già dal suono lascia intendere che si affronterà un argomento negativo, magari con qualche morto, magari con qualche scandalo, temi che sempre attraggono l...