Skip to main content

La crisi suggerisce di tirare la cinghia. Il Friuli Venezia Giulia risparmia al Bit di Milano

 |  Redazione Sconfini

bit, friuli venezia giulia, esposizione, borsa, logoL'edizione 2009 della Borsa Italiana del Turismo è stata inaugurata da poche ore, in un clima di timido ottimismo che cela malamente le forti preoccupazioni legate alla crisi economica in atto a livello internazionale e che avranno ricadute certamente rilevanti sul comparto turistico di quest'anno.

Molti operatori (anche quelli istituzionali) hanno ridimensionato la propria presenza al Bit e tra essi anche la regione autonoma Friuli Venezia Giulia. Come riporta l'Adnkronos, lo stand del Friuli Venezia Giulia, sara' meno faraonico dello scorso anno, 3000 metri quadrati rispetto ai 2400, con un risparmio del 20 %, pari a 800mila euro, rispetto al 2008. In compenso, ci saranno piu' operatori economici, da 42 a 47, di cui molti rappresentanti di categoria. Minore spesa da dividere tra più operatori, insomma, un piccolo affare per chi parteciperà alla manifestazione.

Ad dare l'annuncio di questa scelta (responsabile, visti i tempi che corrono) sono stati pochi giorni fa, a Trieste, il vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Luca Ciriani, il direttore generale di Turismo Fvg, Andrea Di Giovanni, e il coordinatore di Rti Mediaedge, Lorenzo Giannocaro, che ha illustrato lo studio e le strategie per i contenuti della partecipazione alla Bit.

La rassegna di valenza mondiale l'anno scorso, in 4 giorni, "e' stata in grado di calamitare - ha rilevato Di Giovanni - 155mila visitatori, di cui 108mila di riferimento per la commercializzazione dei prodotti turistici, 5mila espositori di 152 Paesi e 3400 giornalisti".

"Con la presenza al Bit e la Coppa del Mondo femminile di Tarvisio, la prossima settimana si prefigura per noi all'insegna della massima esposizione mediatica", ha dichiarato Ciriani. "Per l'attuale Governo regionale, il turismo e' una risorsa strategica, ma siamo convinti che quantita' non significhi qualita' ed e' a quest'ultima che abbiamo puntato, dando piu' spazio agli operatori turistici e valorizzando i loro prodotti", ha affermato il vicepresidente, ribadendo l'importanza della collaborazione tra le localita' turistiche di Grado e Lignano.

Esce forse un po' ridimensionato, anche stando alle parole dei tre rappresentati regionali intervenuti, il ruolo di Trieste, che per aggirare i vincoli regionali legati alle aperture domenicali contingentate per gli esercizi commerciali (inclusi i grandi centri commerciali) sta pensando di autonominarsi "città d'arte".


Altri contenuti in Friuli Venezia Giulia

Gli spazi verdi non devono morire

Risale ai tempi dei tempi dell’umanità il desiderio di lasciare un segno, modificando il paesaggio naturale. A questo si deve dunque ricondurre la nascita dei giardini, intesi come spazi naturali d...

Elezioni Regionali 2013 in Fvg: il M5S "espelle" candidato. Ha nascosto di essere massone

Piccolo terremoto nella lista dei candidati del Movimento 5 Stelle alle elezioni regionali del 20 e 21 aprile in Friuli Venezia Giulia. Fulvio Di Cosmo, selezionato alcuni mesi fa assieme agli altr...

Trieste, incontri formativi per Amministratori di Sostegno

  Trieste. Partirà il 1° febbraio una serie di incontri informativi e di approfondimento dedicati allo svolgimento della funzione di AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO.   Gli incontri, che si svolgeranno ...

"L'anno migliore della tua vita"

Cosa succederebbe se il prossimo fosse l'anno migliore della tua vita?  Un'intera giornata dedicata alla pianificazione personale del tuo 2014 che ti permetterà di gestire e usare al meglio le tue ...

Bisogni dei cani: i diritti rinnegati

Secondo quanto si legge spesso sui quotidiani locali (soprattutto nelle pagine dedicate alle segnalazioni), sembra che le deiezioni canine siano uno degli argomenti che più stanno a cuore agli abit...