Skip to main content

Ad ognuno il suo tuttologo

Per chi vive nella consapevolezza identificata dalla massima filosofica “più so più so di non sapere”, vi è più di un motivo di perplessità nel constatare come oggi dalla società del nostro Paese questa (così come ci viene propinata dai network televisivi privati e, ciò che è più grave, dalla televisione di Stato) sembri essere emblematicamente smentita, dato che è ormai prassi comune, confermata giornalmente accendendo il televisore, dover sopportare (termine quanto mai appropriato) la visione petulante, ripetitiva, demagogica quanto retorica, di variegati personaggi raccolti (termine altrettanto appropriato) negli ambiti sociali più disparati e pronti in nome del “Dio video” ad accettare più passaggi in trasmissioni dalla titolazione varia, ma tutte omologate da una demoralizzante scadentissima qualità, nel corso delle quali si disquisisce dalla botanica alla fisica, dalla storia alla filosofia, dalla enogastronomia ai problemi di cuore, dalla medicina allo sport, senza confini di contenuto e di approfondimento.

 

È così che è penosamente rituale dover “sopportare”, ad esempio, la presenza in una trasmissione cosiddetta di intrattenimento, avente per oggetto gli scontati e mielosi “affari di cuore”, la disquisizione sulla sacralità della famiglia, sulla indispensabilità di un rapporto amicale con i figli e di una presenza costante dei genitori a fianco degli stessi, da parte di un’attempata attrice la cui vita tumultuosa fatta di svariati divorzi, un numero cospicuo di figli sparsi per il mondo ed avuti da più partner, è la contraddizione di tutto questo.

 

La cosa di per sé è già stucchevole ed offensiva sicuramente per tutti coloroalt che dispongano di un intelletto ragionevolmente lucido, integrato da una capacità critica autonoma e sincera, ma… tant’è!

 

Parimenti dicasi per il caso del “reduce” da un reality show, al quale ha partecipato, e che, incurante della sua non certo brillante cultura, dispensa anch’egli in trasmissioni varie le sue “verità rivelate”.

 

Il fenomeno, già di per sé negativo, lo diventa in modo particolare se si constata (come in effetti è possibile) che queste stesse persone il giorno dopo siano presenti in altre trasmissioni di tutt’altro genere, pronti anche in quel caso a dispensare saggezza su materie distanti anni luce da quelle trattate il giorno prima.

 

Viene quindi da chiedersi a questo punto: ma chi sono veramente queste persone? Vi è un unico modo per definirle: sono dei tuttologi, ovverosia un nuovo soggetto umano caratterizzato, almeno sulla carta, dalla capacità di spaziare nello scibile umano senza alcun limite, e con la consapevolezza (sicuramente millantata) di essere in grado di disquisire su qualsiasi cosa dando il proprio parere.

 

In un’epoca di dilagante superficialità, sicuramente questo garantisce audience al network televisivo ospitante, così che l’unico soggetto che può compiacersi di siffatta situazione è lo sponsor, non certo la cultura in senso lato intesa come occasione per poter riflettere, allenare la mente e possibilmente arricchire lo spirito.

 

Si è consapevoli che un tanto appare pura utopia perché – dobbiamo confessarlo – i media oggi sono condizionati pesantemente dalle sponsorizzazioni, che non sono minimamente interessate ad un messaggio di qualità, bensì solo alla possibilità di attirare l’attenzione sul loro prodotto, inducendo l’utente a considerarlo indispensabile per la sua vita e così appartenere al “branco”.

 

Ben vengano quindi i tuttologi, ma se solamente per un attimo riordiniamo le idee e cerchiamo di recuperare la nostra autonomia intellettuale, non si può che giungere ad una sola conclusione: povera società!

Mr Cljmax

 


In collaborazione con Help!

 

 


Altri contenuti in Costume e società

Il cane smarrito: come ritrovarlo

Spesso si vede un cane privo di guinzaglio che vaga, all’apparenza, smarrito per la strada. È buona norma accertarsi che il cane sia veramente senza accompagnatore vicino. Troppo di frequente il pa...

Prima di incontrare qualcuno, dobbiamo incontrare noi stessi

Le festività natalizie rappresentano per la maggior parte delle persone un’occasione di gioia, il momento privilegiato per le riunioni familiari. Va da sé allora che ciò che per molti è fonte di se...

Eroi moderni: le virtù dimenticate dei vecchi supereroi

È proprio vero, i supereroi del passato sono ormai in pensione. E con loro tutti quei sani valori che dovrebbero fare da biglietto da visita ad ogni paladino del bene. Infatti, sembra proprio che i...

Jacques Chirac. Quella volta che Silvio mi disse "Non sai quante natiche hanno usato questo bidet"

E' interessante quanto sta avvenendo in queste settimane nel mondo dell'informazione internazionale. Quest'ultima sembra aver trovato un filone dorato per vendere copie e far scaricare articoli, do...

Maschi vs Femmine: elogio della differenza

"Una donna si preoccupa del suo futuro finché non trova marito. Un uomo non si preoccupa del suo futuro finché non trova moglie". (A.&B Pease)   è ormai convinzione comunemente accettata e "po...