Skip to main content

Se anche Gramellini confonde Islanda e Iran

 |  Redazione Sconfini

Prima o poi capita a tutti di sbagliare o di stracapire un messaggio. Anche ai primi della classe.

Stavolta è toccato a Massimo Gramellini, apprezzato editorialista de La Stampa, di cadere in un banale errore di semplificazione forse dettato dalla stereotipizzazione del messaggio politico-mediatico di queste ultime settimane. Beppe Grillo, in una lunga intervista a "Sette" tra moltissime cose non contestabili ha detto che quando il Movimento 5 Stelle sarà al governo i politici verranno giudicati da un tribunale di cittadini incensurati estratti a sorte, che li condannerà ai lavori socialmente utili e alla restituzione del malloppo.

Ebbene, a parte l'infelice idea di Grillo anticipare il verdetto popolare, Gramellini estrapola questo passaggio per fare alcuni riflessioni nella rubrica Buongiorno decisamente opinabili sebbene esposte con la solita tagliente classe.

Questa frase sarebbe sufficiente a Gramellini per parlare di "Codice Grillo", un temibile glossario di leggi barbare e violente di cui questa estemporanea uscita sarebbe una sorta di articolo primo.

Apre la riflessione con una sarcastica nota sulla moderazione di Grillo (sottintendendo che avrebbe voluto proporre di mozzare le mani ai ladri e la lingua agli ospiti dei talk show), senza accorgersi che l'ispiratore del Movimento 5 Stelle è stato anzi fin troppo moderato: condannare questi delinquenti ai lavori socialmente utili è un pannicello caldo rispetto a quello che si meriterebbero e la restituzione del maltolto il minimo della pena da infliggere ai colpevoli.

Secondo Gramellini, chiedere una nuova Norimberga, senza pene capitali naturalmente, nella quale i cittadini possano giudicare l'operato e i reati degli imputati sarebbe populismo. Inoltre, questi tribunali sarebbero dominati dall'emotività e dall'odio. Il popolo diventa quindi nella sua analisi giacobino, nazista, stalinista, talebano. "Epuratore che sarà epurato a sua volta". Chissà cosa ne pensano gli americani che da sempre fanno giudicare gli imputati da una giuria popolare composta da cittadini incensurati estratti a sorte. Maledetti nazisti, ma anche stalinisti americani.

Fuoco d'artificio finale: Grillo paragonato a un ayatollah.

Forse Gramellini confonde il modello Islanda (con il popolo che ha chiesto e ottenuto il processo per i banchieri che hanno ridotto al lastrico l'Isola e che ora sta riscrivendo la costituzione senza l'intermediazione politica) con l'Iran.

---

diventa fan su facebook

vota su oknotizie

foto: fanpage


Altri contenuti in Approfondimenti

La privatizzazione dell'acqua e la lezione di Cochabamba

Cochabamba. Se questa parola non vi dice nulla, allora questo è un articolo che dovreste leggere. In questi giorni in Italia è stato convertito in legge un decreto (il decreto Ronchi) che, dietro i...

Obama vs Europa. Le due risposte alla crisi.

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, forte dell'investitura popolare non sembra assolutamente voler tradire le sue promesse più alte fatte durante la campagna elettorale. In un intervento...

RaiTre non può mandare in onda Ballarò e propone il documentario Dittatura. Un caso?

Come largamente annunciato (leggi il nostro post "Censura in corso" dell'11 febbraio) il regime berlusconiano ha deciso di mettere a tacere l'informazione in Italia (intanto) per un mese. Fino alle...

Beppe Grillo a Sky News 24 rompe il muro della censura. E spara su tutti

Se c'è una persona che emblematicamente è simbolo della censura del regime berlusconiano quella persona è Beppe Grillo. Sono in molti a contestarlo, più per paura che per reali motivazioni politich...

La caccia alla materia oscura è aperta

Uno dei più appassionanti misteri dell’universo è che il 90% della sua massa è di natura sconosciuta: non è composta da atomi di idrogeno, ossigeno o qualsiasi altro elemento noto, né è costituita ...