Skip to main content

La BCE ha pronti 2mila miliardi di euro che vuole regalare al tasso dell'1%. Alle aziende oneste? No, alle banche, che (forse) li presteranno al 7%

 |  Redazione Sconfini

C'è un nuovo indizio, da oggi, in grado di far pensare che il sistema bancario europeo sia vicino all'implosione.

Oramai "Bankestein" che da anni controlla indirettamente i destini del mondo industrializzato, nonostante sia la causa principale del declino del capitalismo controlla direttamente i governi di Grecia e Italia e anche della Spagna (il neoministro dell'Economia è un ex di Lehman Brothers e siede nei cda della banca Mare Nostrum, del gruppo energetico Endesa e della casa editrice che pubblica El Mundo).

Ebbene, in questo quadro cosa si viene a sapere? La BCE guidata da Mario Draghi ha pronto un gioviale regalo di Natale per le banche: 2mila miliardi di euro al tasso dell'1%. Le garanzie? Prevalentemente titoli tossici e buoni del tesoro (anche dei paesi a rischio default)!

Sì avete capito bene: soldi freschi gratis in cambio di spazzatura o giù di lì. Che tra l'altro finché il sistema regge garantirà come nel caso dei Btp italiani delle rendite vicine al 7%. E se non reggesse? Pronto il salvagente: la Bce si accolla la cartastraccia delle banche che investiranno i 2mila miliardi di euro "prestandolo" ai cittadini/consumatori, che hanno con le loro fatiche generato quegli stessi 2mila miliardi di euro e di cui sarebbero teoricamente già proprietari, a tassi molto più alti del 7%.

Eh no, così è troppo facile fare il banchiere. Caro Draghi invece di iniettare liquidità in questi pozzi senza fondo che non restituiranno mai nulla agli ingranaggi dell'economia reale, si dovrebbe favorire direttamente il credito alle aziende, a chi offre lavoro o anche a semplicemente a chi tenta di mantenere i livelli occupazionali nei settori dei servizi e dell'industria, generando quella ricchezza e quel valore aggiunto economico e umano che le banche stanno prosciugando.

Che razza di politica economica è questa? In questo modo anche i Teletubbies potrebbero fare i banchieri. Date i 2mila miliardi all'1% alle aziende oneste (micro, piccole, medie, grandi) che danno lavoro, altrimenti saranno altri soldi buttati.

---

diventa fan su facebook

vota su oknotizie

 


Altri contenuti in Economia

Il disastro economico del Coronavirus. I dipendenti pubblici facciano la loro parte

Lo scoppio della pandemia da Covid19 non è certo colpa di qualcuno in particolare, sebbene con un po' di prevenzione in più e un ancor maggiore anticipo del lockdown (arrivato comunque presto) si p...

Benvenuti nel Quarto Reich: come la Germania sta spolpando i suoi vicini

In questa immagine elaborata dal Sole24Ore c'è gran parte delle risposte che gravitano nei Paesi dell'Eurozona in queste infuocate settimane. In alto potete vedere le colonnine blu che rappresentan...

Debito pubblico record: si vola verso i 2.000 miliardi di euro

Non sembra che il governo Monti e i suoi professori siano stati in grado di rallentare neppure di un po' la corsa del debito pubblico italiano. La ricetta tagli + tasse, tipica della lungimiranza d...

Lo spread retributivo signor Rossi vs Onorevole

Da oltre un anno l'Italia è soffocata dal famigerato spread e dalle conseguenze che "impone" ai governi quando supera una certa soglia. Per i cittadini la ricetta è sempre quella: tasse, taglio di ...

Tanzania: record di scongiuri dopo l'investimento di 4,5 milioni di euro della Lega Nord

E' possibile che Francesco Belsito abbia capito male, ma questo è il risultato: la Lega Nord (fonte il Secolo XIX) ha investito un bel mucchio di milioni di euro (4,5 milioni per la precisione) fru...