Skip to main content

Il topolino sdentato

 |  Redazione Sconfini

bossiditomedioProbabilmente è stata una riunione dall'altissimo contenuto politico. Peccato che però abbia partorito solo un topolino sdentato e paralitico. I due grandi giuristi Bossi e Berlusconi si sono trovati ad Arcore per decidere come segare la carriera politica al nemico Fini. Dopo gli inutili tentativi e gli affondi della stampa di regime, BB tentano la carta Napolitano.

Gli esimi costituzionalisti hanno partorito un comunicato nel quale si sottolinea la gravità della posizione politica di Fini (che parla nientemeno di legalità), la sua incompatibilità nella maggioranza (per ovvi motivi sempre di legalità) e per questo si chiede al Presidente della Repubblica di farlo dimettere. Come i bambini viziati.

Peccato che la richiesta sia ridicola e criminale. Napolitano infatti non ha nessunissima possibilità di "sfiduciare" il presidente di una Camera.

Lo dice la Costituzione.

Art.64: "Ciascuna Camera elegge tra i suoi componenti il Presidente e l'Ufficio di Presidenza".

Art. 66: "Ciascuna Camera giudica dei titoli di ammissione dei suoi componenti e delle cause sopraggiunte di ineleggibilità e di incompatibilità".

Art. 68: "I membri del Parlamento non possono essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse e dei voti dati nell'esercizio delle loro funzioni".

Ergo: nessuno, a parte la Camera dei Deputati che ha eletto Fini, e solo se sono sopraggiunte cause di ineleggibilità, può sollevare dall'incarico il presidente della Camera. Il caso in questione però non consente margini di trattativa o interpretazione poiché Fini viene messo alla gogna solo per le opinioni espresse ed esse non possono essere oggetto di giudizio da parte di nessuno.

Il presidente della Repubblica farebbe bene a rispondere a Bossi nel linguaggio più appropriato al personaggio: con un rutto o con un'educata e padanissima alzata di dito medio.

Oltretutto, parentesi storica non irrilevante, quella di avere i presidenti delle due Camere provenienti o scelti tra le file dell'opposizione era un'usanza di fair play democratico che è andata avanti dal 1948 al 1994. A cambiare questa regola non scritta e a far eleggere politici della maggioranza (Carlo Scognamiglio e Irene Pivetti) fu proprio Berlusconi.

---

Fonte dell'immagine: la Rete

diventa fan su facebook

vota su oknotizie


Altri contenuti in Politica

La Boschi cita Fanfani: un autogol clamoroso

Oggi il ministro Maria Elena Boschi nel tentativo di difendere la controriforma istituzionale voluta da Renzi, Gelli e Berlusconi, nella sua arringa ha pure citato "un grande statista... che ha un ...

Il carro del rottamatore e il partito con più correnti che elettori

Venghino signori venghino! Tutti a bordo del carro del vincitore. La galassia lombrosiana delle correnti Pd ormai più numerose degli elettori è in agitazione in vista delle primarie del partito. La...

Massimo Ciancimino racconta la storia del pizzino che Provenzano inviò a Berlusconi

Pochi giorni fa, tra i primi in assoluto, abbiamo dato conto della lettera di minaccia che nel 1991 la Mafia avrebbe scritto a Berlusconi. In quella missiva, che da oggi più propriamente comincerem...

Cucina con retromarcia

Sottoforma di domanda retorica, non un'esplicita ammissione di malafede, ma arriva puntuale la retromarcia del Giornale di Vittorio Feltri sull'inchiesta giornalistica più pasticciata che i cronist...

Dopo 20 anni il centro torna ad essere decisivo in politica

Berlusconi corteggia Casini. Perché? Sono due i binari lungo i quali il cavaliere cerca di muoversi dall'impasse che i processi a suo carico in procinto di riaprirsi hanno generato nel governo e ne...