Skip to main content

Ha confessato. Potete andare a prenderlo

 |  Redazione Sconfini

Alcuni stralci del cosiddetto "memoriale" che Berlusconi ha inviato ai pm di Napoli sono stati finalmente resi pubblici.

 

Il contenuto è più comico di quanto ci si potesse aspettare. Occorre ricordare che il premier nel processo escort-Tarantini è al momento presunta vittima di estorsione e quindi deve essere sentito come testimone. Quindi senza avvocato difensore (non deve difendersi da niente), senza possibilità di avvalersi della facoltà di non rispondere e soprattutto con l'obbligo di dire la verità.

La strategia retrostante a questo memoriale comunque sembra essere chiarissima: trasformare al più presto Berlusconi da vittima a indagato almeno per due possibili reati: falsa testimonianza e violazione delle norme antiriciclaggio.

In particolare sono due i passaggi che fanno pensare a questa strategia:

1. Il premier conferma di aver aiutato una famiglia "che versava in situazione difficilissima" e di aver fatto avere ai Tarantini denaro attraverso Lavitola. Si trattava di "somme che variavano tra i 5mila e i 10mila euro: 5 per Tarantini e 5mila per la moglie".

Dunque Berlusconi dava a Lavitola almeno 10mila euro che il faccendiere socialista avrebbe poi dovuto girare ai Tarantini. Il premier dice anche di non ricordare con quale frequenza dava i soldi a Lavitola. Reticenza? Forse. In ogni caso sapete cosa dice il D.L. 78/2010 varato proprio dal governo Berlusconi il 31 maggio 2010? Che il limite di trasferimento di denaro contante è abbassato a 5.000 euro.

Quindi Berlusconi è reo confesso del reato di violazione delle normative antiriciclaggio. Ovviamente il trasferimento di denaro è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati, la qual cosa i pm non dovrebbero avere difficoltà a dimostrare. Specialmente perché Berlusconi ammette poi un finanziamento (non ne dichiara l'ammontare ma secondo i pm si tratta di 500mila euro) a favore di Tarantini sempre tramite Lavitola, precisando di averli consegnati in molteplici tranches durante la primavera di quest'anno. Se non è una confessione questa.

2. Il premier scrive poi di avere "una cassaforte dove tengo sempre disponibile una somma in contanti per le mie spese personali e per le necessità che alimento io stesso portando il denaro da Arcore. Somme tratte dai miei conti correnti personali e documentabili in ogni momento".

Ma vi immaginate voi il premier che va allo sportello della filiale di Arcore della sua banca a prelevare 500mila euro (in comode tranche) durante la primavera 2011 e che poi mette in una valigetta con destinazione Roma? Eh sì, perché è lui stesso in persona a girare sui voli blu e su auto blu a trasportare tutto quel denaro per le sue "necessità" romane.

Se non è falsa testimonianza questa...

---

 

diventa fan su facebook

 

 

vota su oknotizie

 


Altri contenuti in Politica

Furibonde campagne mediatiche? Ci pensa il Minzo

    Poco dopo le 11 di questa mattina il sito del Tg1 si è trasformato nel sito di propaganda forzasilvio.it (o è viceversa?). Dopo le 12.30 la veste del portale minzoliniano è rientrata nei rangh...

Lo scandalo dei caccia F-35. Come risparmiare 15 miliardi di euro senza pagare penali

Il professorone Monti si lamenta perchè "ci sono pochi soldi"? Bene, arriva da una serie di inchieste e approfondimenti tecnici una strada che consentirebbe di risparmiare 15miliardi (dicesi € 15.0...

Moretti. Viva la sincerità

Qualche tempo fa era molto diffusa un pubblicità di una birra, omonima di Alessandra Moretti, ex berlusconiana, ex bersaniana, anti-renziana e ora renziana di ferro, il cui slogan era "Viva la sinc...

Sonia Alfano: "il partito di Berlusconi fondato sui soldi della Mafia". Videointervista esclusiva

La candidata indipendente dell'Italia dei Valori per le prossime Europee, Sonia Alfano, sta girando in questi giorni l'Italia per presentarsi agli elettori. Segnata da una storia personale e famili...

Inciucio: ultima speranza per Berlusconi

“Il ministro della Giustizia Angelino Alfano è rientrato in anticipo dalle vacanze e ha subito raggiunto il consigliere giuridico del premier, l’avvocato Niccolò Ghedini, che lo attendeva a Villa S...