Skip to main content

Chiedilo all'amministratore: le deleghe

 |  Redazione Sconfini

È corretto che nel corso di un’assemblea di condominio uno o più condomini deleghino direttamente l’amministratore dello stabile?  (Lettera firmata)

 

“In questo preciso momento storico – spiega Daniele Dolce, titolare dello studio di amministrazione stabili Samaritannon esiste una legge che lo vieti chiaramente, anche se esiste un disegno di legge, il 622 del 2001, dormiente da troppo tempo in Parlamento che, una volta entrato in vigore, dovrebbe proibire questa usanza”. Questo disegno di legge, infatti, in modo chiaro e definitivo afferma che l’amministratore non potrà mai essere delegato da assemblee da lui stesso tenute. “Stanti così le cose – aggiunge Daltolce – e cioè fintanto che questo disegno di legge non sarà convertito in legge, l’unica possibilità che si ha per vietare la delega dei proprietari all’amministratore è quella che esista (o sia inserita, ndr) una precisa indicazione in merito all’interno del regolamento del condominio”. La presenza di questo articolo ad hoc nei regolamenti di condominio è comunque abbastanza rara.

 

Dal punto di vista della morale professionale, sarebbe più corretto che un amministratore non abbia alcuna delega, perché per esempio nei casi di ricandidatura, alla scadenza del mandato, potrebbe votare impunemente a suo favore. Tuttavia, bisogna anche ricordare che, se un condomino delega senza indicazioni il suo amministratore, è molto probabile che sia sempre e comunque d’accordo con le sue scelte. Insomma, una fiducia cieca nei suoi confronti.

 

“La soluzione ideale – propone in conclusione Dolce – è quella che vede il condomino che delega l’amministratore esprimersi per iscritto su tutti i punti all’ordine del giorno”. In questo caso, l’amministratore assumerebbe le funzioni di un semplice ed inattaccabile portavoce del volere del condomino delegante, scansando ogni eventuale malignità e sospetto nei suoi confronti da parte degli altri proprietari.

G.M.

 


In collaborazione con Help! 

 

 


Altri contenuti in Vita di condominio

I contratti di locazione

Il mercato immobiliare, per tradizione uno dei più vivaci ed imprevedibili tra quelli che fondano la società capitalista, vive in questi mesi la fine di un’età dell’oro che è durata tanto, tantissi...

Chiedilo all'amministratore: a cosa serve il DURC?

IL FATTO. Sono un artigiano che spesso lavora, da solo, come imbianchino e cartongessista in case di privati e in studi professionali. Ho provato a farmi avanti presso alcuni amministratori di stab...

Le garanzie aggiuntive

IL FATTO. Mi sono stati imputati i costi (200 euro) relativi alla franchigia assicurativa di un danno, interamente coperto dalla compagnia assicurativa del condominio, avvenuto all’interno del mio ...

Polizze: oltre al danno… la beffa

  La garanzia di base della Polizza Globale Fabbricati è sufficiente per tutti gli inconvenienti che possono occorrere ad uno stabile? Forse rappresenta una piccola certezza per dormire sonni tran...

Parti comuni e diritti dominicali

Vivo in un condominio che è parte di un caseggiato composto da quattro palazzi disposti in modo tale da formare un rettangolo. All’interno di questo rettangolo si trova un corte comune di proprietà...