Skip to main content

Chiedilo all'amministratore: a cosa serve il DURC?

 |  Redazione Sconfini

IL FATTO. Sono un artigiano che spesso lavora, da solo, come imbianchino e cartongessista in case di privati e in studi professionali. Ho provato a farmi avanti presso alcuni amministratori di stabili per allargare un po’ il mio volume d’affari ma tutti mi hanno chiesto il cosiddetto DURC. È vero che non posso lavorare con loro se non presento questo documento?  (Lettera firmata)

 

LE CONSIDERAZIONI. Innanzitutto ricordiamo brevemente cos’è il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva): si tratta di un certificato rilasciato da Inps e Inail che attesta contestualmente la regolarità di un’impresa per quanto concerne gli adempimenti Inps, Inail e Cassa Edile verificati sulla base della rispettiva normativa di riferimento.


“Dal punto di vista tecnico – spiega Daniele Dolce, titolare dello studio di amministrazione stabili Samaritan – si potrebbe anche lavorare senza presentare il DURC ma nella pratica è assolutamente impossibile”. “La legge n. 51/2006 – prosegue – dice in sintesi che se hai una ditta e non paghi Inps e Inail per te e/o per i tuoi dipendenti, in caso di controllo, il debito dei contributi non versati sarà pagato da uno dei condomini (o privati) a cui hai presentato fattura”.


Naturale quindi il fatto che nessun amministratore dotato di buon senso accetti artigiani o ditte che non presentino il DURC. Il costo dei possibili contributi, infatti, ricadrebbe sui suoi condomini, che poi si rifarebbero su di lui. A peggiorare la situazione c’è anche il fatto che il DURC ha una durata di soli 3 mesi e che quindi dopo 90 giorni diventa carta straccia. È necessario quindi rifarlo continuamente.


Una considerazione per concludere. L’Italia è l’unico Paese del mondo ad assoggettare ditte e amministratori a questo pesante controllo che dovrebbe essere in realtà svolto dallo Stato e dai suoi Enti parastatali costosissimi e pachidermici, che tuttavia, evidentemente, non sono in grado di fare il loro lavoro. Ma tant’è… siamo abituati a vederne così tante che, purtroppo, siamo ormai assuefatti alle più incredibili assurdità. Che fare?

G.M.

 


In collaborazione con Help! 

 


Altri contenuti in Vita di condominio

Le esecuzioni immobiliari

È cronaca quotidiana la drammatica situazione economica di molte famiglie italiane, indebitate con le banche oppure con le potenti e sempre più numerose finanziare, che prestano denaro per il telef...

Le garanzie aggiuntive

IL FATTO. Mi sono stati imputati i costi (200 euro) relativi alla franchigia assicurativa di un danno, interamente coperto dalla compagnia assicurativa del condominio, avvenuto all’interno del mio ...

Servitù di passo carraio: con la macchina sì, a piedi no

Sono il proprietario di un appartamento in una palazzina di recentissima edificazione che chiamerò “Residenza Quercia”, confinante con la palazzina gemella “Residenza Tiglio”, per restare in ambito...

Parti comuni: i diritti dominicali

Vivo in un condominio che è parte di un caseggiato composto da quattro palazzi disposti in modo tale da formare un rettangolo. All’interno di questo rettangolo si trova un corte comune di proprietà...

Vicini di casa rumorosi

Il mio appartamento si affaccia su una grande corte interna. Le poche ore che sto in casa sono costantemente disturbata dalle discussioni dei vicini che non conosco. Come non giudicare quelle perso...