Skip to main content

Dopo Cipro la Slovenia. Il default bussa alle porte di casa

 |  Redazione Sconfini

Prima o poi doveva accadere. La crisi finanziaria giunta in molti Paesi allo stato terminale bussa alle porte dell'Italia.

Dopo l'ufficializzazione della crisi di Cipro è la volta di un Paese confinante al (una volta) ricco nord est italiano: il prossimo obiettivo della finanza speculativa e della Germania pigliatutto è la Slovenia, stato nato meno di 20 anni fa e già alle prese con forze centrifughe impensabili sono fino a pochi anni fa, quando la sua economia sembrava essere un modello da imitare. Dal suo ingresso nell'euro la Slovenia ha attratto molti capitali stranieri, specialmente tedeschi ed è potuta crescere a buon ritmo. Ora la finanza teutonica presenta il conto.

Anche qui il centro del problema è il sistema bancario, in sofferenza per 20 miliardi di euro. Il nuovissimo esecutivo (quello precedente fu costretto a battere in ritirata per numerosi episodi di corruzione) della premier Alenka Bratusek ha fatto sapere che si impegnerà a prolungare l'operazione da 4 miliardi di euro volta a ricapitalizzare le banche prevista dal predecessore Jansa.

Il problema è che non si capisce da dove tireranno fuori questi soldi: il Pil del 2012 è sceso del 2,3%, la disoccupazione è quasi al 10% e le esportazioni (parte delle quali erano rivolte proprio al vicino italiano in una crisi ancora più profonda) sono in frenata. I tassi sul debito pubblico sono vicini al 5%.

Il pensiero arriva quindi presto alle ricchezze dei privati cittadini, depositate nei conti correnti e che rappresentano il 135% del Pil (per l'ipertrofico sistema bancario di Cipro si parla dell'800%). E' l'ennesima dimostrazione che tutte le nazioni di Eurolandia, tranne una, la Germania, cioè quella che sta imponendo il rientro dei capitali investiti in Paesi stranieri, sono strettamente legate da un filo invisibile. Una volta che il cappio è stato annodato a una di esse la corda prosegue implacabilmente a stringere il collo della successiva e così via.

---

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Mitteleuropa

Gdf Trieste: maxi sequestro di sigarette

La Guardia di Finanza di Trieste ha effettuato un maxi sequestro di sei tonnellate di sigarette di contrabbando dal valore di circa un milione e mezzo di euro. Le sigarette sono state sequestrate d...

La nuova Europa

  Le retoriche dominanti vedono nella politica estera dell’America, da un lato, e nella politica economica della Cina, dall’altro, i motori della storia del nostro tempo. Non colgono un terzo fa...

Friuli: sequestrati 700.000 gratta e vinci falsi

Clamorosa operazione della Guardia di Finanza di Udine, che ha scoperto un "traffico" illecito di oltre 700.000 biglietti del tipo gratta e vinci contraffatti. Si stima che il valore complessivo de...

Austria sotto shock: è morto Haider.

Era anticonvenzionale. Era seguitissimo. Era controverso. Era un vincente. Joerg Haider, leader dell'estrema destra austriaca e governatore della Carinzia è morto nella notte tra venerdì e sabato s...

Il confine e il peso di un passato insegnato male

  Ho trent’anni e ho girato il Friuli molto più dell’Istria. E così la maggior parte dei miei amici. Basterebbe questo per raccontare quanto i confini, anche per quelli nati come me nell’ultimo qua...