Skip to main content

Legge Cirinnà: verso la fine della manfrina. Renzi era già da tempo d'accordo con Alfano

 |  Redazione Sconfini

Si avvia finalmente a una conclusione, non trionfale peraltro, la cosiddetta legge Cirinnà sulle Unioni Civili (anche omosessuali) e sulla possibilità di adottare il figlio del partner (stepchild adoption).

 

Su quest'ultimo punto la guerra in Parlamento è stata senza esclusione di colpi e il Partito Democratico sapeva di non poter contare su una vera maggioranza dal momento che i cattodem numericamente tutt'altro che insignificanti non l'avrebbero fatta passare così com'era stata congeniata. Dunque in realtà la ricostruzione di ciò che è avvenuto a Palazzo, facendo un passo indietro di qualche settimana è la seguente:

1) Alfano e i cattodem annunciano problemi seri al Governo in caso dovesse passare la Cirinnà con la stepchild;

2) Renzi, peraltro poco interessato al contenuto della legge, non vuole correre rischi;

3) La maggioranza del Partito Democratico è però favorevole a votare la legge così com'è e minaccia strascichi in caso di accordo al ribasso;

4) Con il sì scontato del Movimento 5 Stelle a seguito di consultazione on line la legge sarebbe comunque passata;

5) E alla luce delle premesse Renzi non voleva che passasse così;

6) Occorreva trovare un capro espiatorio e questo si palesa con la mezza retromarcia di Grillo che lascia libertà di coscienza ai parlamentari 5 Stelle cattolici;

7) "Colpa loro", "inaffidabili", "servi del Vaticano", "voltagabbana", "oppressori di diritti pur di sgambettare Renzi". La macchina del fango parte a 200 km/h e il manganello colpisce tutti i grillini;

8) Il M5S annuncia che i loro parlamentari voteranno comunque "NO" a tutti gli emendamenti perché vogliono votare la legge così com'è rispedendo la patata bollente sul campo del PD;

9) Mentre la disinformazione mainstream continua a manganellare il dito viene puntato di nuovo sul M5S che dice no al canguro per saltare il dibattito parlamentare;

10) Nonostante la palese incostituzionalità del canguro (emendamento Marcucci) rispetto all'art. 72 della Costituzione, il PD sparge anche nel web l'interpretazione che si tratti di una procedura prevista dal regolamento;

11) M5S, già in passato beffato dal canguro, pone la questione di forma, che vince sulla sostanza: "siamo favorevoli alla legge ma non possiamo avvallare una procedura dittatoriale come il canguro per coerenza e in vista di altri delicati passaggi parlamentari futuri";

12) Il caos nel PD è totale, il manganello anche se oramai a vuoto continua a cercare grillini per addossar loro colpe dell'eventuale affossamento della legge;

13) E' la situazione che Renzi e Alfano volevano fin da subito;

14) Non resta che un accordo al ribasso con cattodem e centristi: si elimina dalla legge la stepchild e tutto resta come prima. Con Alfano e i cattodem saldamente in mano della golden share del Governo Renzi con buona pace della maggioranza progressista e di sinistra che vivacchia nel PD.


Altri contenuti in Politica

Fratelli di Forza Italia

Irrituale. Così era stata definita da diversi giuristi la decisione, presa pochi giorni fa dal presidente della II Corte d'Appello di Milano, di sospendere l'esecutività della sentenza sul Lodo Mon...

Cronache da "Milano, capitale morale": stati generali della Lega nel mirino per possibile truffa da 59 milioni di euro

E' di pochi giorni fa l'improvvida uscita del magistrato ora capo dell'anticorruzione Raffaele Cantone, secondo il quale Milano sarebbe tornata a essere la capitale morale d'Italia perché ha quegli...

"Lei Salvini è un fannullone". E l'Europarlamento applaude convinto

Orfani di Berlusconi, che quando usciva dai confini nazionali privo della copertura mediatica italiota arricchiva giorno dopo giorno una figuradimerdoteca da far invidia al rozzo Kruscev che sbatte...

Che sia una nuova Liberazione, non la trasformazione di un evasore in un nuovo Pertini

Se, per una volta, gli esponenti del Pd manterranno la parola il 27 novembre 2013 sarà un giorno che passerà alla storia. Dopo vent'anni di dispostismo catodico, manganello culturale e ruberie inca...

I 91 milioni dei rimborsi elettorali ai terremotati? Ci avete creduto? Sbagliavate

Scossi dal vigore dell'antipolitica (cioè dal Movimento 5 Stelle, che però non riescono a pronunciare manco fosse l'Innominabile di manzoniana memoria o Lord Voldemort di Harry Potter), dopo il ter...