Skip to main content

La confessione di Dell'Utri: "Della politica non mi frega niente. Se non fossi senatore sarei in galera"

 |  Redazione Sconfini

"Io sono politico per legittima difesa. A me delle politica non frega niente. Mi difendo con la politica, sono costretto. Mi candidai nel 1996 per proteggermi. Infatti subito dopo mi arrivò il mandato di arresto". E alla successiva domanda: "Perchè non si difende solo fuori dal Parlamento?", la risposta è stata: "Mi difendo anche fuori, ma non sono mica cretino. Quelli mi arrestano". A rilasciare questa imbarazzante confessione è stato nientemeno che Marcello Dell'Utri intervistato quasi casualmente a bordo di un treno da Beatrice Borromeo del Fatto Quotidiano. L'intervista, pubblicata il 10 febbraio 2010 sul quotidiano diretto da Padellaro è molto più densa di contenuti, ma questa parte dell'intervista pare un pugno in faccia al buon senso. In qualsiasi altro paese del mondo avrebbe portato alle dimissioni immediate del senatore, praticamente reo confesso almeno moralmente, dei pesanti indizi che gravano sul suo capo.

In pratica in questo passaggio Dell'Utri ammette candidamente che a lui della politica e quindi degli italiani non interessa assolutamente nulla. E' costretto a restare in politica per non finire in galera! Sì, senza quella poltrona da senatore il co-fondatore di Forza Italia sarebbe già da tempo in gattabuia. Addirittura ci starebbe da così tanto tempo che forse sarebbe già potuto uscire e rifarsi una vita da uomo "ripulito" dopo aver pagato il suo debito con la giustizia.

Giornalisticamente un bel colpo per il Fatto Quotidiano, ma perché Dell'Utri che ha quasi sempre dimostrato di essere evasivo e taciturno quanto basta, ha fatto questo che apparentemente sembra un autogol? La domanda comunque cadrà nel vuoto poiché non ci sarà nessun contraccolpo nel dibattito pubblico.

A questo punto vale la pena fare una riflessione: ha senso mantenere a carissimo prezzo personaggi discussi, per di più in odor di mafia (c'è già una condanna in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa a 9 anni di carcere) che dichiaratamente dei bisogni degli italiani se ne fanno un baffo? Certamente no, ma gli italiani si sa, piace moltissimo farsi pisciare in testa e credere che stia piovendo.

---

Vuoi diventare fan di Sconfini su Facebook ed essere sempre aggiornato sulle notizie che ti proponiamo? Clicca qui!

Ti è piaciuta la notizia? Clicca qui e vota OK (in alto a sinistra). Grazie!


Altri contenuti in Politica

23.000 euro al mese sono troppo pochi. Per questo il parlamentare Barbareschi ha il secondo lavoro

Clamorosa intervista rilasciata dal parlamentare Pdl Luca Barbareschi, giùà celebre volto del piccolo schermo, a Il Fatto Quotidiano. Leggere per credere: Mi scusi, come concilia un impegno del ge...

Mister "gogol": la versione Berlusconi 4.0 disponibile dal 2013

Avanzare ipotesi sul futuro prossimo nel panorama politico italiano è, a meno che non arrivi una durissima legge sul conflitto di interessi, un esercizio semplicissimo. Si può addirittura abbozzare...

L’EUROPA PER LE DONNE: ESISTONO LE PARI OPPORTUNITÀ?

Così recita l’articolo 2 del trattato che istituì la Comunità europea, per la quale la parità di trattamento tra donne e uomini fu, ed è ancora oggi, uno dei principi fondamentali. Esso è presente ...

Genchi, intervistato da Sky TG24, smonta il caso intercettazioni sbandierato da Berlusconi

Intervistato da Sky TG24, Gioacchino Genchi, parla a ruota libera del "caso" giuridico politico della settimana. Al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che aveva parlato del possibile più ...

Ecco perché l'Italicum è peggio della legge Acerbo

Ci risiamo. Esattamente 90 anni dopo le prime elezioni politiche che anche grazie alla legge Acerbo spalancarono le porte alla dittatura fascista, l'Italia sprofonda nuovamente nel tranello autorit...