Skip to main content

Sono scaduti ieri i primi ultimatum della Lega

 |  Redazione Sconfini
CalderoliSono trascorsi quasi 20 giorni dal glorioso raduno di Pontida, quello che ha sancito l'unità indissolubile tra Bossi e suoi compagni d'avventura, il tripudio celtico di Castelli, le targhe ministeriali a Calderoli e che ha messo nero su bianco le promesse dei leader in camicia verde alla loro base elettorale.

E' giunto quindi il tempo di controllare a che punto siamo con il programma rilanciato dalla Padania e da altri organi di stampa vicini alla Lega Nord (clicca qui per leggerlo integralmente). Si tratta dei famosi (pen)ultimatum di Bossi al governo, richieste non trattabili che dovevano evitare che la Lega staccasse la spina al governo.

 

ENTRO 15 GIORNI:

- Dimezzamento del numero di Parlamentari e creazione del Senato Federale

- Riduzione dei contingenti militari impegnati all'estero

 

Entrambi gli obiettivi sono stati mancati. In questi giorni abbiamo visto invece prolungamento dell'età pensionabile, la patrimoniale nascosta per chi fa investimenti, il blocco delle assunzioni nel pubblico impiego, qualche ulteriore taglio ai servizi pubblici, il blocco totale o parziale degli adeguamenti di milioni di pensioni e per ultima la norma ad aziendam nottetempo infilata nella manovra finanziaria  (per fortuna è stata ritirata) da misteriose mani per evitare a Berlusconi di risarcire la Cir per un totale che oscillerà tra i 500 e i 750 milioni di euro per avergli rubato la Mondadori.

La base della Lega approverà certamente.

 

Entro 30 giorni da Pontida il Senatur aveva promesso:

- nuove forme di autonomia per le Regioni

- taglio dei costi delle bollette

- taglio dei costi della politica

- abolizione delle ganasce fiscali e delle misure vessatorie di Equitalia

- finanziamento del trasporto pubblico locale

 

Entro l'estate poi altra succosa novità:

- Riforma fiscale


Siamo certi che stavolta la Lega terrà duro.

---

 

vota su oknotizie

diventa fan su facebook

foto: wikimedia commons

 


Altri contenuti in Approfondimenti

Da noi Tony Blair si chiama Gianfranco Fini

È da quando ha innescato la mutazione genetica della destra italiana che Gianfranco Fini si attira addosso le critiche più rabbiose. E proprio dalla sua parte politica. Vuoi dalla destra incurabilm...

Ubriachi al volante? Niente sanzioni, solo opere di bene

Siete stati sorpresi dalle forze dell’ordine alla guida di un veicolo con un tasso alcolemico al di sopra del limite consentito? Nessun problema: niente multa, niente confisca del veicolo, niente s...

Farmaco generico o generico farmaco?

Il farmaco, al di là della sua primaria funzione terapeutica, a volte viene subito dal paziente con rassegnazione plurima: infatti, lo si identifica come strumento di possibili speculazioni economi...

I bambini di Parkunzi

Accade a volte che da una semplice idea, nata quasi in sordina, prenda vita un vero e proprio progetto: ne sono testimoni i due artisti Julia Artico e Giovanni Padovan, entrambi residenti in una lo...

Un brindisi per i tangentari

La manovra finanziaria tremontiana rappresenta ormai l'Eden per coloro che si occupano di scovare norme e dispositivi di legge poco trasparenti o pronti a manganellare i più deboli e poveri. Dopo a...